Migranti: rimesse cresciute del 51% negli ultimi 10 anni

ROMA – Nel corso dell’ultimo decennio le rimesse dei migranti verso i Paesi di origine hanno registrato un incremento del 51%. A dirlo è l’ultimo rapporto realizzato dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, e dai suoi partner.

Lo studio ”Mandare soldi a casa: verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, Una famiglia alla volta”, che verrà presentato il 14 giugno prossimo a New York, rileva come

”ogni anno, oltre un miliardo di persone – una su sette – spediscono o ricevono rimesse, generando un flusso complessivo di denaro di cinquecento miliardi di dollari”. Una cifra che mostra come i flussi migratori e le loro rimesse stiano ”avendo un impatto notevole sulla situazione economica e politica mondiale”.

Il rapporto, che verrà illustrato dal direttore della Divisione delle politiche e consulenza tecnica dell’Ifad, Adolfo Brizzi, e da Pedro de Vasconcelos, coordinatore dello Strumento finanziario per le rimesse dell’Ifad, spiega l’Organizzazione internazionale, rappresenta ”la prima ricerca che analizza l’andamento delle migrazioni e dei flussi delle rimesse nel corso di un decennio, mostrando la distribuzione regionale nel periodo 2007-2016”.

L’analisi e le raccomandazioni contenute nel rapporto gettano le basi per i dibattiti che si svolgeranno in occasione del Forum mondiale su rimesse, investimenti e sviluppo, che si terrà il 15-16 giugno nella sede delle Nazioni Unite a New York. Il Forum è organizzato da Ifad, Banca Mondiale e Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite (UN-DESA).

(ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -