Orban contro Soros e le sue famigerate “Ong”

L’influenza politica del sito Breitbart – il cui fondatore, Steven Bannon, non a caso è l’attuale Consigliere del presidente Trump – ha attraversato l’Oceano e sta cominciando a pesare anche in est Europa. Questa settimana infatti, il parlamento ungherese ha annunciato che voterà una proposta di legge per obbligare le organizzazioni non governative alla massima trasparenza per quanto riguarda i fondi che ricevono e la loro provenienza.

Sulle colonne della “piattaforma internet dell’Alt-Right”, per usare la definizione dello stesso Bannon, già durante la campagna elettorale americana veniva denunciato il legame torbido e ambiguo tra George Soros e le ong, accusate di essere sotto il suo controllo. Su Breitbart, infatti, Soros è sempre stato indicato come il burattinaio che agisce nell’ombra per manovrare le ong a seconda dei suoi interessi. E quali sono questi interessi? Promuovere la retorica dei “no borders” in Europa, favorire l’immigrazione clandestina di massa e, per quanto riguarda Trump, cercare di indebolire la sua figura il più possibile attraverso la diffusione di scandali che infanghino il suo nome. Insomma, Soros veniva e viene indicato come il vero leader del mondo liberal-progressista, che parla di Diritti Umani (rigorosamente scritti con le maiuscole) per poi preoccuparsi di tutt’altro. In questo caso, dell’indebolimento dell’Europa.

Goran Buldioski, il direttore dell’Open Society Initiative for Europe, una delle fondazioni-ombrello del miliardario Soros, non appena appresa la notizia dell’imminente votazione al parlamento ungherese, ha contrattaccato condannando l’iniziativa come una minaccia per “i valori europei”. Sempre secondo Buldioski infatti: “La democrazia e la libertà sono sempre più lontane dall’orizzonte degli interessi dell’Ungheria.”

Ad aiutarci a inquadrare meglio l’opera dell’Open Society Initiative for Europe è un testo pubblicato dalla fondazione stessa (Reliable allies in the European Parliament), un fascicolo che riferisce i nomi di 226 deputati (su 751) ‘amici’ di Soros

A rispondere per le rime al direttore dell’Open Society ci ha pensato Zoltan Kovacs, Segretario di Stato e portavoce del governo di Orban, che ha accusato le ong di non avere alcuna legittimità democratica: “In una democrazia la rappresentanza dovrebbe essere concessa dopo delle elezioni, non secondo la volontà delle potenze straniere.” E, in effetti, nelle Ong non risulta che si tengano elezioni per designare i loro funzionari.

Le organizzazioni non governative presenti in Ungheria forniscono già una serie di documentazioni sull’origine dei loro fondi, ma secondo il governo non è abbastanza perché molto spesso la vera origine dei flussi di denaro rimane oscura. Orban, durante una trasmissione radiofonica nazionale del 24 febbraio, si è scagliato contro le ong: “L’Ungheria non può permettere che sul suo territorio agiscano organizzazioni che si muovono nell’ombra, non dichiarando da chi ricevono i finanziamenti e per quale ragione. Le ong che fanno capo a Soros hanno superato ogni limite: non possono incoraggiare i migranti a entrare nel nostro Paese, perché ciò vìola le nostre leggi.”

Il miliardario di origine ungherese George Soros ha iniziato la sua opera di “beneficenza” durante la Guerra fredda finanziando i dissidenti che volevano ribellarsi (o che lui stesso spinse alla ribellione) contro il regime sovietico. Questa forma di “esportazione della democrazia” fa parte, storicamente, dell’attitudine degli Stati Uniti. A ricordarlo sono le più recenti campagne in Afghanistan, Iraq, e Libia, che tutto hanno portato in questi Paesi tranne la pace e la stabilità tanto promesse prima della loro invasione o del rovesciamento del regime che li governava.

A tal proposito, fin dagli albori della sua candidatura, Trump ha promesso un progressivo disengagement dalle questioni internazionali e dai teatri di guerra del Medio Oriente, attitudine che ha fatto tirare un sospiro di sollievo a molti. Non a George Soros però, che si oppone al nuovo presidente degli Stati Uniti in ogni modo, anche attraverso le recenti manifestazioni femministe anti-Trump, che è accusato di aver orchestrato.

La battaglia della nuova amministrazione della Casa Bianca contro il magnate Soros ha dato coraggio a molti stati dell’europa centrale e orientale. Non solo all’Ungheria.

Nenad Mircevski, fondatore del movimento macedone “Stop Operation Soros”, indaga da mesi sulle attività di Soros in Macedonia tenendo costantemente informato il parlamento. Anche in Romania, il leader del Partito Social-Democratico Liviu Dragnea,durante un’intervista di gennaio su Antena 3, disse: “Sono preoccupato delle azioni di Soros. Le fondazioni di quest’uomo operano sul territorio rumeno dagli anni ’90. E vi assicuro, non hanno fatto nulla di buono per il paese.”

Guido dell’Omo  GLI OCCHI DELLA GUERRA



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -