Palermo: motivazioni della sentenza in ritardo, 14 boss a rischio scarcerazione

Quattordici boss mafiosi sono a rischio scarcerazione, per un ritardo nel deposito delle motivazioni della sentenza. Succede a Palermo. Al centro della contesa, tutta giuridica, ci sono presunti affiliati ai clan di Bagheria, Ficarazzi e Altavilla arrestati nel 2014 con l’operazione “Reset”. Sembra surreale, invece sta accadendo veramente, come ricostruisce PalermoToday.

Le condanne in primo grado risalgono al 2015. Il giudice per l’udienza preliminare, Sergio Ziino, deposita però le motivazioni della sentenza dopo oltre un anno. Un ritardo dovuto “alla complessità dell’istruttoria dibattimentale”. Visti i tempi, Ziino sospende la decorrenza della custodia cautelare per evitare la scarcerazione. Il tribunale del Riesame adesso boccia il “congelamento” dei termini di custodia cautelare. I giudici ritengono “abnorme” il provvedimento.

Con l’operazione “Reset” i militari avevano documentato l’esistenza di un “direttorio”, una sorta di organo decisionale provinciale, e di un vertice strategico, definito “testa dell’acqua”, a cui obbediva anche il reggente operativo del mandamento.

Difficilmente, anche se la Procura annuncia che ricorrerà in Cassazione contro la decisione dei colleghi del tribunale della Libertà, la liberazione dei detenuti potrà essere evitata. La prima udienza di appello, durante la quale il termine di custodia potrebbe essere sospeso legittimamente, non potrà tenersi prima di marzo. Tra l’avviso di fissazione del processo e la trattazione infatti gli avvocati devono avere 20 giorni e gli avvisi sono stati fatti notificati dal 5 febbraio. Ma 14 dei 25 imputati, tranne soluzioni diverse, dovrebbero lasciare la cella tra pochi giorni.

Ecco l’elenco dei condannati che potrebbero tornare in libertà: Salvatore Buglisi (3 anni e sei mesi), Giovanni Di Salvo (7 anni e 2 mesi), Carlo Guttadauro (5 anni e 4 mesi), Giovanni La Rosa (6 anni), Vincenzo Maccarrone (4 anni e 8 mesi), Fabio Messicati Vitale (3 anni e 6 mesi), Bartolomeo Militello (3 anni e 6 mesi), Carmelo Nasta (3 anni ma già libero), Francesco Pretesti (6 anni e 10 mesi), Francesco Raspanti (6 anni), Paolo Salvatore Ribaudo (10 anni), Giovan Battista Rizzo (8 anni), Giovanni Salvatore Romano (6 anni e 4 mesi), Francesco Speciale (8 anni e 9 mesi), Francesco Terranova (6 anni e 8 mesi).

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -