Strage di Berlino, Galantino difende l’islam “la religione non c’entra”

 

galantino

Dopo l’uccisione dell’ambasciatore russo a Berlino al grido “Allah Akbar” e la strage di Berlino, dove un camion guidato – probabilmente – da un finto rifugiato pakistano ha sventrato il Natale tedesco e ucciso 9 persone, il segretario della Cei, Nunzio Galantino, non crede che alla base di tutto ciò ci sia la religione.

Non è colpa dell’islam, dice il vescovo, ma del denaro.

In una intervista al Corriere, infatti, ha detto che “ogni violenza è ingiustificabile e inaccettabile, tanto più per motivi religiosi. Ma lo scontro di civiltà è ciò che si propongono i violenti. Se anche ci fosse questo, e io non lo credo, al fondo c’è soltanto egoismo e sopraffazione”. Nessuno scontro di civiltà insomma: dagli attentati e le guerre ci “guadagna chi ha interessi di potere o denaro, chi commercia in armi. Alla fine, nelle guerre, va a morire la povera gente. I signori si arricchiscono”.

Secondo il vescovo non bisogna farsi sopraffarre dal desiderio dei terroristi di paralizzare le nostre vite. “Non è un segno di incoscienza dire: non possiamo fare il loro gioco e dare a queste persone il potere di annientare qualsiasi voglia di vivere, di andare avanti, di cambiare”. In che modo? Galantino crede sia necessario “essere tutti più uniti, più tolleranti. E guardarsi dalla violenza, anche nell’uso del linguaggio”. Le parole, insomma, pericolose come un terrorista islamico. “Io non voglio mettere tutto insieme – aggiunge – Però la volgarità e l’aggressività del linguaggio alimentano un clima che incattivisce le persone e allontana gli sforzi di convivenza pacifica. Esiste anche un terrorismo del linguaggio, si uccide anche con la calunnia. Guardi nei media, in tv, la politica”. E comunque non è uno scontro di civiltà: “Io non ci credo”.

IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -