Chiude Carapelli a Inveruno, previsti 136 licenziamenti

 

carapelliPer anni i dipendenti e i sindacati dello storico oleificio Carapelli di Inveruno, nel Milanese, si erano lamentati per la mancanza di un serio piano industriale, chiedendo a gran voce che fosse presentato e discusso.

Quando ieri – scrive Il Giorno -  la spagnola Deoleo detentrice del marchio l’ha svelato, o meglio, nel corso di un vertice a Roma ha reso note le sue intenzioni per il 2017, probabilmente devono essersi pentiti di tanta «curiosità». È infatti un vero e proprio bagno di sangue quello preannunciato dal cda della multinazionale: su 136 dipendenti attualmente al lavoro nel sito produttivo dell’ovest Milano, 98 verrebbero quanto prima messi in mobilità. Vero e proprio preludio del licenziamento. I 38 rimanenti – la parte amministrativo-impiegatizia dell’azienda – sarebbero salvati, ma non si sa per quanto ancora.

Detto in altre parole, quello che si profila all’orizzonte è la chiusura definitiva di un sito produttivo presente a Inveruno dagli anni Novanta. Una parziale, residuale produzione d’olio verrebbe mantenuta solo nell’altro impianto Carapelli di Tavarnelle Val di Pesa, in Toscana. Per essere progresssivamente sempre più concentrata «a casa», e cioè negli stabilimenti di Cordova e Malaga. A rischio quindi l’italianità non solo del brand Carapelli ma anche di quelli Sasso e Bertolli, le altre due famigliari etichette del Belpaese possedute da Deoleo.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -