Il Pontificio Consiglio riprende il dialogo con l’islam fondamentalista

 

Al-Tayyib

Sospesi all’epoca di Benedetto XVI, riavviati con Francesco, che ha ricevuto nel Palazzo apostolico nei mesi scorsi il grande imam del principale ateneto islamico sunnita, è ormai questione di mesi per la ripresa ufficiale dei rapporti tra il Vaticano e l’università al-Azhar del Cairo, quella dove s’insegna che E’ consentito uccidere un apostata e mangiarlo

Il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, si legge in una nota della Santa Sede, desidera comunicare che mons. Miguel Angel Ayuso Guixot, segretario, dopo la sua visita dello scorso mese di luglio, si recherà nei prossimi giorni al Cairo (Egitto) per una riunione presso l’Università di Al-Azhar. Il segretario, assieme a mons. Khaled Akasheh, Capo Ufficio per l’Islam del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, a mons. Emmanuel Ayad Bishay, Vescovo di Luxor, al professor Joseph Maila, esperto, ed al domenicano Jean Druel, Direttore dell’Institut dominicain d’études orientales (IDEO), incontrerà domenica 23 ottobre una delegazione di Al-Azhar, per una riunione preparatoria dell’incontro che si terrà a Roma, probabilmente verso la fine di aprile 2017, e che segna la ripresa ufficiale del dialogo fra il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso e Al-Azhar.

La visita sarà anche l’occasione per valutare, assieme a mons. Bruno Musarò, Nunzio Apostolico in Egitto e al Vice del Grand Imam di Al-Azhar, Sheikh Dott. Abbas Shouman, la possibilità di promuovere concrete iniziative di pace.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Nel 2007  l’imam al-Azhar ha affermato che alle mogli si possono rifilare «percosse leggere». Cosa che non è proprio «come picchiare»: è più come «dare un pugno» o «spintonare». Capito?

Ci viene anche raccontata la bufala che che Al-Tayyeb è nemico del terrorismo. Infatti l’anno scorso ha specificato quale punizione va riservata ai combattenti dello Stato islamico: «La morte, la crocifissione o l’amputazione delle loro mani e piedi» perché «combattono Dio e il suo profeta», cioè perché non interpretano l’islam come dice lui.

Messaggio del Papa all’imam al Azhar: “stima e rispetto per l’islam e i musulmani”

Riepilogando (come scrive Borgonovo su LIBERO) : inneggia agli attentati suicidi; sostiene che è giusto menare le donne; invita a uccidere, mutilare e crocifiggere chi non segue la via del Profeta. In virtù di queste sue posizioni moderate, il signor al-Tayyeb è stato anche invitato a Montecitorio a tenere una lezione sull’«islam religione di pace». Per fortuna, è stato egli stesso a rifiutare

L’imam in Vaticano ha invocato Allah per la vittoria sugli infedeli

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Il Pontificio Consiglio riprende il dialogo con l’islam fondamentalista”

  1. Io con sto papa non ci ho capito un tubo invita uno che canta davanti a tutti Bergoglio compreso: ha invocato Allah per la vittoria sugli infedeli, a me pare di stare dentro un manicomio.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -