Il Pd spende 90mila euro per promuovere il kebab fra prodotti tipici del Friuli

 

Novantamila euro per promuovere il “tipico” kebab friuliano, è questa la cifra spesa dalla giunta regionale, presiduta dalla vice segretaria del Pd Debora Serracchiani, per promuovere la ricetta al Salone del Gusto di Torino. La notizia dell’ingente somma spesa per promuovere il famoso panino turco come prodotto tipico del Friuli Venezia Giulia ha da subito suscitato molte polemiche.

serracchini-kebab

Il primo a scagliarsi contro al “kabab furlan” dello chef Carlo Piasentin, in bella vista tra le specialità della regione friulana al Salone del Gusto, è stato l’ex vincitore di Masterchef Usa, Luca Manfè, di origine friulane e considerato ambasciatore dei prodotti della regione all’estero: “A parte il fatto che il kebab è carne grigliata su uno spiedino, ma vi pare che la Regione abbia fatto bene a spendere 90 mila euro per promuovere un panino con la salsiccia? E’ sbagliato l’approccio chiamandolo kebab e usando pane arabo – commenta Manfè che aggiunge -. Non vedo l’ora di tornare in regione per assaggiare un hamburger vegetariano e il kebab friulano. Sono il primo ad accettare le novità, ma in questo caso ho l’impressione che si sia fatta cilecca”.

Dello stesso parere è anche il consigliere regionale di Forza Italia, Roberto Novelli, che ritiene l’iniziativa un inutile spreco di soldi: ” Visto che parliamo del progetto per la valorizzazione dei cibi made in Friuli – dichara Novelli – è proprio il caso di dire che siamo alla frutta. In più dopo la splendida figura del famoso chef Carlo Cracco, il quale, chiamato a fare da testimonial a Friuli Doc, ha platealmente dimostrato di non conoscere due prodotti tipici come la brovada e la gubana, arriva la promozione del kebab friulano”. Il consigliere azzuro ha poi ironizzato: “Se la strategia per far conoscere i nostri eccellenti prodotti tipici è questa, suggerisco di ripensarla”.

A difendere la decisione della Serrachiani è, invece, Max Plett, presidente di Slow Food del Friuli che al Messaggero Veneto nega di aver speso 90 mila euro per promuovere il “kebab furlan” : “Chi critica, probabilmente lo fa senza aver letto bene la nostra proposta. Il budget serve a promuovere, all’interno di una delle prime manifestazioni internazionali dedicate all’enogastronomia, i presidi Slow Food del nostro territorio. E tutta questa attenzione sul “kebab furlan” rischia di banalizzare settimane di lavoro e denaro pubblico”. E a chi gli fa notare che il panino turco non centra niente con i prodotti tipici regionali Plett risponde: “La nostra cultura ha anche radici ottomane e in più siamo la regione delle diversità e su questa dobbiamo impegnare ogni energia, favorendo anche la contaminazione”.

IL GIORNALE

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

2 Commenti per “Il Pd spende 90mila euro per promuovere il kebab fra prodotti tipici del Friuli”

  1. Tino Gianbattista Colombo

    W al Salam

  2. La nostra cucina ha radici ottomane? In quale film?
    In Friuli certo no. Nella Venezia Giulia ci sono cibi della cucina mitteleuropea e della vicina Slovenia, ma con i turchi ben poco abbiamo avuto a che fare! Neanche a Trieste, che con il porto era in contatto con la Turchia, ci sono piatti della cucina turca!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -