Crollano contratti e aumentano licenziamenti. Renzi: il Jobs act funziona

 

“Nel II trimestre 2016 più 189mila posti di lavoro. Da inizio nostro governo: più 585mila. Il Jobs act funziona”. E’ il tweet con cui il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, saluta i dati Istat sul lavoro, appena resi pubblici.

…………………………….

Cala bruscamente il numero di contratti stabili avviati nel secondo trimestre dell’anno. E’ quanto emerge dai dati pubblicati sul sito del ministero del Lavoro relativi al Sistema delle Comunicazioni obbligatorie.

I contratti avviati a tempo indeterminato, nel secondo trimestre, si riducono di circa 163 mila unità ovvero il 29,4% in meno rispetto allo stesso trimestre del 2015; continuano a scendere le attivazioni di contratti di Collaborazione (-25,4%) e aumentano del 26,2% gli avviamenti in Apprendistato (askanews)

C’è un dato – Corriere –  che spicca più degli altri tra le comunicazioni obbligatorie appena pubblicate dal ministero del Lavoro: nel secondo trimestre del 2016 sono aumentati del 7,4% i licenziamenti rispetto secondo trimestre 2015. Nel complesso, invece, sono state registrate 2,45 milioni di attivazioni di contratti a fronte di 2,19 milioni di cessazioni. La maggioranza delle cessazioni sono dovute al termine del contratto a tempo determinato (1,43 milioni) e, tra le altre, sono aumentate quelle promosse dal datore di lavoro (+8,1%) mentre si sono ridotte quelle chieste dal lavoratore (-24,9%).

In particolare, come sottolineato, sono aumentati i licenziamenti.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -