Armando Manocchia: Fa male vedere Milano e l’Italia ridotte così

 

Armando Manocchia è davanti alla stazione centrale di Milano, capolinea dei disperati che arrivano da tutto il mondo, attratti dalla possibilità di vivere con vitto e alloggio gratis offerti dalle tasse dei milanesi. Ma tra i disperati, rivelano i servizi segreti, vi sono numerosi terroristi islamici pronti a colpire Milano

 

Fa male vedere Milano e l’Italia ridotta così, dice Armando Manocchia. Milano, devastata dal degrado demografico e dall’incuria, dalla malapolitica di Pasha Beppe e del Maialino (pseudonimi presi in prestito dal romanzo: ‘Amore mio ferma Maometto’).

Badate bene, se al suo posto ci fosse Pasha Parisi, la situazione non sarebbe diversa. Vedere Milano, la Stazione Centrale, Piazza Duca d’Aosta, Via Sammartini, come l’hanno vista i miei occhi e l’occhio della telecamera è davvero triste.

Nella Milano di Pasha Beppe, con Luca Longo e Claudio Bernieri abbiamo fatto un servizio intorno alla Stazione Centrale sul busineSSaccoglienza.

Nella lunga fila della mensa del nuovo Hub di via Sammartini 120 a Milano, gestito dalla cooperattiva Arca (fa riferimento a Maialino?) che si occupa di primissima accoglienza, orientamento e cure ai così detti migranti in arrivo in città, ad un certo punto arriva un senzatetto, uno dei tanti disperati italiani sui 55/60 anni che si mette in fila per entrare come gli altri nella mensa e mangiare finalmente un pasto caldo. L’intruso viene subito individuato dagli ”operattori umanitari’ che conoscono a mena dito i loro ‘clienti’ e, una volta avvicinato, viene preso per un braccio e allontanato. Mi si è gelato il sangue nelle vene…

Milano e l’Italia ridotte così – continua Manocchia – sono il furto della speranza di una vita migliore per le generazioni future. Dei disoccupati italiani e non italiani. Delle famiglie che si autodistruggeranno e di quelle che non si creeranno.

 

La falsa propaganda buonista la si tocca con mano. Tutti a strapparsi i capelli per aiutare, accogliere, rifocillare, lavare, pulire e allietare l’ozio di baldi e palestrati giovani in cerca di una vita migliore. La stessa che milioni di italiani che hanno versato sudore, lacrime, sangue e tasse per far crescere insieme alla propria Patria la propria persona e la propria Famiglia.

milano-immigrati

Li chiamano disperati, poverini, ma vedere per credere. I disperati, i poverini, sono gli italiani che nessuno aiuta e non questi villeggianti a sbafo vestiti meglio di noi e con in mano l’ultimo modello di IPhone, che spensierati, hanno il solo scopo di raggiungere altri famigliari o amici con la collaudata filosofia “dove si mangia in due, si mangia anche in tre”.

Ovviamente la colpa non è loro – conclude Manocchia – ma delle politiche suicide messe in campo da gentaglia di Bruxelles al servizio del NWO. Incapaci e inamovibili. Gentaglia non eletta da nessun cittadino europeo, ma che a cascata dirige un sistema statale burocratico e parassitario come quello italiano, in mano ad un presunto governo, golpista e traditore che ha dilapidato l’immenso Patrimonio di beni, materiali e immateriali, di talenti e di valori che rendevano l’Italia uno dei Paesi più importanti – da tutti i punti vista positivi – del mondo.

Armando Manocchia – - @mail

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Armando Manocchia: Fa male vedere Milano e l’Italia ridotte così”

  1. Eg Mannocchia. SEnza vangare i motivi morali materiali a monte … io cero prima della caduta del Fascio, ed in quel periodo; prima dall’evento del fascio sentivo fare i discorsi del perchè cera questo. e Perchè cera quest’altro. (salto dalla morale della caduta) Tutti a gioire per la libertà.Ridotti in miseria … tutto a tessera… (ci sarebbe da dire tanto degli avvoltoi) IAl divertimento- la domenica- per il popolo qualche luogo da ballo cinema Stadio. … Misero la tassa sul soccorso(?) invernale anche chi prendeva il TRAM. I Poveracci Ricchi dimenticati. andavano in carrozza od in auto.- Eravamo liberi. Liberi ieri_ liberi oggi . !!!
    Osservo tutte le caratteristiche della caduta del fascio (La notte del gran coniglio Fascista Grandi voto contro. Cadde il fascismo. (Ora non li cacci nemmeno ricorrendoli con il forcone . Ma siamo liberi,) Io cero e sogno segnato nella carne.= 8 settembre la nostra resa. Una scheggia impazzita del fascismo fondò un partito MSI (per me per far cadere i termini delle cause)- da nessuna parte trovò sostentamento per difedere l’Italia (?????)(cerano i Tedeschi) dopo mesi presso la Prefettura di Lucca venne scritto un Decreto.? Nel nome del Duce(????) firmato per conto del M.I.Mrzzasoma uccel di bosco (lui “ottimo Ponzo Pilato”) per difendere l’Italia (da CHI?)
    Carte che io ho . I Giovani come me messi uno contro l’altro e chi non si presentava prendevano i genitori cosi era scritto nei manifesti. e’ stata a me dura . Ora abbiamo la solita Scheggia. I govani non sono piu grulli -Vengono da fuori … questa è la morale – del potere occulto che si trincea con le chiacchiere con emeriti discorsi – I residenti come quelli di allora sono perseguitati alla morte delle “caserme” dei posto di acoglienza -Come i soldati: Mangiare bere e dormire in attesa … . da semplici accattoni . cominciano a parlare di diritti . .’Accogliena è un diritto.(Un surpruso rovesciato) diritto di questo e di quest’altro. …Per la mia ètà o regalato degli scarponi da alpino con chiodi laterali era 30 che non li mettevo… me ne pento. Una pedata con quelli ti lasciavano l’impronta.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -