Istat: di nuovo giù la produzione industriale a giugno

 

crollo-ivaNon giungono segnali positivi dalla produzione industriale italiana. Sono infatti due mesi che l’indice calcolato dall’Istat si mostra in calo, sia a livello congiunturale che a livello tendenziale. Di fatto, da inizio 2016, l’indice ha registrato performance altalenanti crescendo a gennaio e ad aprile, ma riportando contrazioni a febbraio e marzo e, appunto, a maggio e a giugno.

Calcolato per misurare “la variazione nel tempo del volume fisico della produzione dell’industria in senso stretto, escluso il settore delle costruzioni”, a giugno l’indice della produzione industriale è quindi diminuito di 0,4 punti rispetto a maggio (quando si è registrato un -0,6 punti) e di un punto rispetto allo stesso mese dello scorso anno (a maggio -0,6 punti).

La contrazione congiunturale è legata a tutti i raggruppamenti principali di industrie (esclusi i beni strumentali che riportano una variazione nulla): la produzione di beni di consumo è diminuita dell’1% /durevoli -3,1% e non durevoli -0,7%), quella di beni intermedi dell’1,1% mentre quella di energia dello 0,7%. Anche il confronto tendenziale mostra cali per quasi tutti i raggruppamenti, ad esclusione, in questo caso, dei beni intermedi, la cui produzione è stata interessata da un aumento di 0,8 punti. Per i beni di consumo emerge invece un calo del 2,1% (-2,8% per quelli durevoli e -2% per quelli non durevoli).

Dall’andamento congiunturale dei vari settori di attività economica emerge un forte calo per le attività estrattive, 0,9%; per la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici, -6,8%; per la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche, -5%; e per la fabbricazione di mezzi di trasporto, -4,2%.

Rispetto a giugno 2015, le contrazioni più consistenti hanno interessato le attività estrattiva, -19,2%, la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, -4,8%; la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici, -7%; e la Fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche, -4,3%.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -