UE, Schulz contro Salvini istigato dal Pd: parole “sessiste” sulla Boldrini

 

Boldrini-Schulz

I commenti fatti da Matteo Salvini sul presidente della Camera Laura Boldrini sono stati “sessisti e inappropriati”, nonchè “offensivi”. Per questo il presidente del Parlamento europeo “condanna con vigore” le parole di Salvini ed esprime “piena solidarietà” a Boldrini.

Schulz è intervenuto sul caso innescato dalla ‘bambola Boldrini’ mostrata durante un comizio dall’europarlamentare segretario della Lega Nord rispondendo a una lettera che gli era stata inviata dall’eurodeputato del Pd Daniele Viotti in cui si chiedeva di sanzionare Salvini per il suo comportamento e le sue parole.

“Come ho sottolineato in varie occasione – scrive Schulz nella lettera – i deputati del Parlamento europeo, pur avendo pieno diritto di criticare, contestare e mettere alla prova gli altri oratori, non hanno il diritto di utilizzare un linguaggio offensivo arrecando in tal modo pregiudizio alla dignità e alla reputazione dell’Europarlamento. Tuttavia – prosegue il presidente rispondendo a Viotti – poichè le affermazioni a cui lei si riferisce sono state fatte fuori dagli edifici del Parlamento europeo, l’articolo 11(2) del Regolamento non è applicabile” e quindi Salvini non potrà essere sanzionato. “In ogni caso – conclude Schulz – ho piena fiducia nelle autorità competenti dello Stato membro in cui si è verificata la mancanza di rispetto, cui spetta adottare misure che siano ritenute appropriate”. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -