La svolta: sei testimoni smentiscono la compagna di Emmanuel

 

rissa-Emmanuel-Chinyere

Mancini ha ammesso di aver insultato la compagna di Emmanuel, Chinyere, chiamandola “scimmia africana”. L’insulto ha provocato la reazione di Chidi Namdi Emmanuel che ha aggredito l’ultras fermano con un palo gettandolo a terra. Durante lo scontro l’italiano ha colpito il nigeriano con pugno che poi ha portato alla morte di Emmanuel. La dinamica raccontata da Amedeo Mancini ai magistrati è stata confermata prima da quella che è stata definita “supertestimone” e poi d altri 6 testimoni oculari. E’ quanto emerge dalla lettura dei verbali redatti sulle testimonianze di 8 persone (due di loro sono Chinyere e l’amico di Mancini). Nel mezzo dell’emozione suscitata dalla morte del giovane nigeriano e dalla bufera mediatica che l’ha accompagnata il Gip di Fermo Marcello Caporale non ha convalidato il fermo di Amedeo Mancini. Ma contestualmente ha disposto la custodia cautelare in carcere dell’ultras che era indagato per omicidio preterintenzionale aggravato dall’odio razziale.

L’unica versione differente è quella di Chinyere, ma non è ritenuta attendibile. Secondo la nigeriana,  Mancini avrebbe aggredito suo marito. “L’uomo bianco afferrava un segnale stradale… E con tale arnese colpiva mio marito all’altezza della testa lato posteriore al contempo gli dava calci alle gambe. Quindi Emmanuel è caduto all’indietro”, ha detto ai magistrati. Non solo, durante la colluttazione Chinyere avrebbe colpito l’italiano con una scarpa mentre l’amico di Mancini cercava di dividere i due uomini.

Il Fatto Quotidiano riporta altri stralci dei verbali dei testimoni. Emmanuel “afferrava il cartello stradale con base circolare di ferro e lo scaraventava contro Mancini colpendolo e facendolo cadere a terra”. “Mentre l’uomo di carnagione bianca si stava rialzando, l’uomo di colore cercava di colpirlo con i piedi mentre la donna cercava di colpirlo brandendo la scarpa”. “Ho visto l’uomo di colore che indirizzava all’altro calci e manate in faccia e la donna lo aiutava con una scarpa. Poi l’uomo bianco ha colpito l’uomo di colore che cadeva a terra”. Recitano le carte. Altro dato importante: le prime due testimoni giunte sul luogo non si conoscevano e quindi non possono aver concordato la versione fornita all’arrivo dei vigili.
Il professore: “Forse il Gip ha ceduto alla pressione mediatica”

Si discute intanto sulla decisione del Gip che non ha convalidato il fermo, ma ha lasciato Mancini in carcere. L’italiano ha alle spalle una condanna definitiva per rissa aggravata, precedenti di polizia per lesioni dolose, e tre Daspo per reati commessi allo stadio. Il provvedimento di fermo era motivato dal pericolo di fuga. Secondo il professore Gustavo Pansini il magistrato ha ceduto alla pressione mediatica che ha suscitato la morte di Emmanuel. “Sembra che il gip sia stato influenzato dal fatto che se avesse scarcerato Mancini sarebbe successo un putiferio”, ha detto Pansini. Tecnicamente è corretto il mancato fermo (perché non ci sarebbe il pericolo di fuga) ma la custodia cautelare in carcere “non perché è pericoloso per il suo razzismo violento, ma perché non è in grado di reagire alle (eventuali) provocazioni”.

redazione riscali



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -