Nigeria: attaccato oleodotto della compagnia italiana Agip

 

agip-eniUn oleodotto operato dalla compagnia italiana Agip, controllata di Eni, è stato attaccato nelle scorse ore da miliziani armati nello stato di Bayelsa, nel sud della Nigeria. Lo hanno reso noto i paramilitari della Sicurezza e difesa civile della Nigeria (Nsdc), secondo cui l’azione avrebbe avuto luogo nei pressi di Lasukugbene.

Al momento, nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità dell’attacco, che arriva dopo una lunga serie di minacce e azioni condotte contro le compagnie energetiche attive nell’area da parte dei Vendicatori del Delta del Niger. “C’è stata un’esplosione che ha colpito l’oleodotto, a seguito della quale è scoppiato uno scontro a fuoco tra i nostri uomini e alcuni dei criminali”, ha spiegato il portavoce della Nsdc, Desmond Agwu.

Gli attacchi delle ultime settimane hanno provocato un brusco calo della produzione di greggio nel Delta del Niger, la regione della Nigeria più ricca di risorse petrolifere. A fine giugno il ministero del Petrolio ha annunciato un accordo per un mese di tregua con i militanti locali, i quali tuttavia non hanno confermato l’intesa. A partire da domenica scorsa, i Vendicatori del Delta del Niger hanno rivendicato la responsabilità di cinque attacchi dopo due settimane di inattività. (Res) © Agenzia Nova



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -