Monte Paschi: crediti deteriorati per 27 miliardi, ultimatum della Bce

 

mpsRoma – Mps ha perso in borsa il 14% e i bancari vanno di nuovo a picco, mandando Piazza Affari sotto dell’1,74%, dopo una lettera-ultimatum inviata dalla Bce al Montepaschi. Nella missiva, giunta a Siena prima del referendum sulla Brexit, l’istituto di Francoforte chiede a Mps di smaltire almeno 10 miliardi di euro degli oltre 27 miliardi di sofferenze, attraverso un piano triennale, che riporti a livello fisiologico la percentuale di crediti deteriorati della banca senese. Mps conferma la lettera che rappresenta una “bozza di decisione” alla quale seguiranno contro-deduzioni delle banca. In sostanza, si conferma comunque la richiesta della Bce di un piano triennale e di un taglio di circa 10 miliardi di crediti deteriorati.

Intanto il governo cerca di capire quale spazio ci sia per iniettare nuove risorse nel veicolo costituito ad hoc per garantire alle banche gli aumenti di capitale più complicati e assicurare al sistema capitali aggiuntivi per smaltire i crediti deteriorati. Il Financial Times sostiene che Matteo Renzi sarebbe pronto a fare uno strappo con Bruxelles e ad andare avanti anche da solo per rafforzare il sisteme bancario italiano. Ma da Palazzo Chigi arriva una pronta smentita a questa ricostruzione. “è noto – si legge in una nota della Presidenza del Consiglio – che Renzi prediliga le soluzioni di mercato, nel rispetto delle regole vigenti in Europa”. La risposta dei mercati però non si fa attendere ed è una nuova risposta negativa per le banche italiane. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -