Torino: nega la casa popolare a coppia gay, impiegato rimosso dall’incarico

 

TORINO, 2 GIU – Due donne chiedono la casa popolare, ma l’impiegato della Atc – l’Agenzia territoriale per la casa – rivendica il diritto all’obiezione di coscienza. E, anche di fronte all’intenzione della coppia di sporgere denuncia, si rifiuta di istruire la pratica. Il caso a Torino è finito con la rimozione immediata dell’impiegato dal suo incarico e l’avvio di un procedimento disciplinare nei suoi confronti. Perché, sottolinea il presidente Atc Marcello Mazzù, “ha leso la dignità umana di due persone e non può stare a contatto con il pubblico”.

Il rifiuto dell’impiegato per ben due volte. Tre mesi fa aveva giustificato il suo diniego con la mancanza di una legge.
Una scusa venuta meno con l’approvazione delle Unioni civili, a cui ha risposto con l’obiezione di coscienza. “Non esiste – spiega Mazzù -. L’Atc prevedeva già prima della legge la possibilità di convivenza more uxorio per persone dello stesso sesso. Sarebbe stato uno smacco passare alle cronache come l’ente che rifiuta la convivenza di due donne”. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -