Trovata impiccata 22enne scomparsa, morto anche il figlio di 4 mesi

 

bolsena_suicidio

E’ stata ritrovata impiccata a un albero nei pressi del lago, a poca distanza dal campeggio dal quale era scomparsa, la 22enne austriaca di cui si erano perse le tracce venerdì sera. Per i carabinieri si tratta cercamente di un suicidio. Anche il figlio di 4 mesi è stato ritrovato morto, non è chiaro se sia stata la giovane a ucciderlo prima di togliersi la vita, o se sia morto di stenti.

I vigili del fuoco anche questa mattina erano alla ricerca della ragazza scomparsa insieme al figlio di 4 mesi l’altro ieri notte sul lungolago di Montefiascone (Viterbo). “Durante la giornata di ieri è stato rintracciato il segnale del telefono, lo stiamo seguendo”, ha spiegato ai microfoni di SkyTg24 Francesco Marchi, a capo del team dei vigili del fuoco. “Anche oggi – ha aggiunto – faremo ricerche con l’elicottero, faremo immergere sommozzatori e manderemo squadre nel punto in cui abbiamo rintracciato il segnale del telefono. E’ ancora attivo e questo ci fa pensare che la donna non sia finita in acqua”.

La giovane era in vacanza al camping Amalasunta sul Lago di Bolsena. Intorno a mezzanotte di venerdì sera era uscita dal bungalow dove alloggiava per far addormentare il bimbo e non era più ritornata. A sporgere denuncia, sabato mattina alle 10:30 sono stati il padre e la madre della ragazza, che erano con lei. Subito sono scattate le ricerche con il corpo forestale dello Stato, i carabinieri, la polizia e i vigili del fuoco. I sommozzatori l’hanno cercata anche nel lago. La giovane, di origini italiane ma nata in Austria, era una studentessa universitaria. (La Presse)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -