USA; carcerati in sciopero contro schiavitu’ e lavori forzati nelle prigioni

USA – I prigionieri di molti Stati si organizzano per protestare contro i lavori forzati

carceri-usa4

I detenuti di tutto il paese hanno indetto una serie di scioperi contro il lavoro forzato, chiedendo riforme del sistema della libertà condizionale e delle politiche carcerarie, con condizioni di vita più umane, un uso ridotto dell’isolamento e una migliore assistenza sanitaria.

Oggi i detenuti di cinque carceri del Texas si sono impegnati a rifiutare di lasciare le loro celle. Gli organizzatori dello sciopero sono rimasti anonimi, ma sono circolati volantini che elencano una serie di lamentele e richieste, e una lettera dettagliata che spiega le ragioni dello sciopero. Le richieste vanno ad esempio da un credito di “buona condotta” per la riduzione della pena, alla fine del contributo medico di $ 100, a un drastico ridimensionamento della popolazione carceraria dello stato.

I prigionieri di Texas sono gli schiavi di oggi e  la schiavitù colpisce la nostra società economicamente, moralmente e politicamente,” si legge nella lettera di cinque pagine che annuncia lo sciopero. “A partire dal 4 aprile 2016, tutti i detenuti in tutto il Texas si asterranno dal lavoro al fine di ottenere attenzione da parte dei politici e della comunità del Texas.”

Il Texas Department of Criminal Justice, che sovrintende le prigioni dello stato, “è consapevole della situazione e sta monitorando da vicino”, ha scitto il portavoce Robert Hurst in una dichiarazione alla Intercept. Egli non ha fatto commenti sulle lamentele e le richieste dei prigionieri. I difensori dei diritti del Prigioniero hanno detto che almeno un carcere – il French Robertson Unit di Abilene – è stato bloccato oggi, ma Hurst ha negato che alcune prigioni del Texas fossero bloccate a causa di scioperi programmati.

Il 13 ° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti vieta la “servitù involontaria” in aggiunta alla schiavitù “, se non come una punizione per il crimine a cui il colpevole deve essere stato debitamente condannato”, stabilendo così la base giuridica per quello che oggi - secondo il Prison Policy Initiative, un istituto di ricerca senza scopo di lucro – è un fatturato di 2 miliardi di dollari all’anno per l’industria.

La maggior parte dei prigionieri abili, presso le strutture federali, sono obbligati a lavorare, e almeno 37 Stati permettono alle imprese private di far lavorare i prigionieri, anche se tali contratti rappresentano solo una piccola percentuale di lavoro carcerario. Judith Greene, un’analista di politica penale, ha detto a Intercept: “Ironia della sorte, questi sono gli unici programmi di lavoro delle carceri dove i prigionieri prendono più di pochi centesimi all’ora”.

carceri-usa2

Invece, la maggior parte dei prigionieri lavorano per le carceri stesse, prendendoo ben al di sotto del salario minimo in alcuni stati, e non più di 17 centesimi all’ora in strutture gestite da privati. In Texas e pochi altri stati, soprattutto nel Sud, i prigionieri non vengono pagati affatto, ha detto Erica Gammill, direttore del carcere di Justice League, un’organizzazione che lavora con i detenuti in 109 carceri del Texas.

Vengono pagati nulla, zero. E ‘essenzialmente lavoro forzato “, ha detto a Intercept. “Non vogliono pagare i lavoratori del carcere, dicendo che il denaro serve per vitto, alloggio e per compensare il costo della loro detenzione.”

In Texas, i prigionieri hanno tradizionalmente lavorato in aziende agricole, nell’allevamento di maiali e nella raccolta del cotone, in particolare nel Texas orientale, dove molte carceri occupano ex piantagioni.

carcere-texas

“Se hai visto immagini di prigionieri che lavorano nei campi in Texas, è proprio come sembra”, ha detto Greene. “E ‘una piantagione. I prigionieri sono tutti vestiti di bianco, controllati dalle guardie a cavallo con i fucili”. Nelle strutture visitate dalla Greene, i prigionieri lavorano tutto il giorno sotto il sole solo per tornare nelle celle e senza aria condizionata. “Le condizioni sono atroci, ed è giunto il momento che l’amministrazione penitenziaria del Texas ne prenda atto.”

Nel 1963, nel tentativo di ridurre il costo delle prigioni, il Texas ha cominciato a impiegare i detenuti per produrre una vasta gamma di prodotti, compresi materassi, scarpe, saponi, detergenti e prodotti tessili, nonché i mobili usati in molti uffici di edifici dello Stato. La Greene ha detto che, a causa delle leggi sul lavoro, che limitano la vendita di beni realizzati dai prigionieri, tali prodotti sono generalmente venduti a enti statali e agenzie governative locali.

Anche se costituiscono quasi la metà della popolazione carceraria nazionale – circa 870.000 persone a partire dal 2014 – i lavoratori del carcere non sono conteggiati nelle statistiche ufficiali del lavoro; non ottengono alcun contributo per la disabilità in caso di infortunio, nessuna prestazione di sicurezza sociale, né straordinari.

“Continuano ad applicare un alto tasso di condanne a tutti i costi”, si legge nella lettera dei priginieri in sciopero, “tutto per il benessere del multimilionario Prison Industrial Complex”.

Le carceri scoppiano negli USA: vi sono oltre 1.500.000 detenuti

Quello del Texas non è un caso isolato. I prigionieri di Alabama e Mississippi, e del più lontano Oregon, sono stati informati dello sciopero del Texas attraverso una rete sotterranea di comunicazione tra le carceri.

“Nel lungo termine, probabilmente vedremo più interruzioni del lavoro”, ha detto Gammill. “Si pensa che in prigione sia difficile diffondere notizie, ma in realtà si diffondono a macchia d’olio.”

Il 1 ° aprile, un gruppo di prigionieri di Ohio, Alabama, Virginia, e Mississippi ha organizzato uno “sciopero di prigionieri coordinato a livello nazionale contro la schiavitù in carcere” che si terrà il 9 settembre, nel 45 ° anniversario della rivolta nella prigione Attica. “Chiediamo non solo la fine della schiavitù in carcere, smetteremo di essere schiavi noi stessi”. “Non possono mandare avanti queste strutture senza di noi.”

Proteste carcerarie e scioperi hanno visto una rinascita negli ultimi anni dopo un rallentamento derivante dal maggiore uso dell’isolamento per isolare i detenuti politicamente attivi. Nel 2010, migliaia di detenuti provenienti da almeno sei carceri della Georgia, organizzati attraverso una rete di telefoni cellulari di contrabbando, si sono rifiutati di lasciare le loro celle per andare a lavorare, chiedendo migliori condizioni di vita e un compenso per il loro lavoro. Tale azione è stata seguita da proteste carcerarie in Illinois, Virginia, North Carolina, e Washington. Nel 2013, i prigionieri della California si sono coordinati in uno sciopero della fame per protestare contro l’uso dell’isolamento. Il primo giorno di quella protesta, 30.000 prigionieri in tutto lo stato hanno rifiutato il pasto.

L’anno scorso in Texas, quasi 3.000 detenuti, che chiedevano migliori condizioni di vit,a hanno parzialmente distrutto un centro di detenzione per immigrati.

Nel mese di marzo, sono scoppiate proteste a Holman Correctional Facility, un carcere di massima sicurezza  in Alabama, dove ci sono stati due tumulti in quattro giorni. Almeno 100 prigionieri hanno preso il controllo di una parte della prigione e accoltellato una guardia e il guardiano. Quelle proteste erano pianificate, ma i prigionieri stanno organizzando azioni coordinate che, dicono, andranno avanti come previsto.

“Dobbiamo lottare contro l’economia del sistema di giustizia penale, perché se non lo facciamo, non possiamo costringerli a ridimensionarsi” ha detto un attivista. “E’ appiccando incendi e cose del genere che si ottiene l’attenzione dei media. “Ma io voglio di organizzare qualcosa che non sia violento. Se ci rifiutiamo di lavorare gratis, costringeremo l’istituzione a prendere delle decisioni “.

“La schiavitù è sempre stata un istituto giuridico”, ha aggiunto. “E non è mai finita. Esiste ancora oggi attraverso il sistema di giustizia penale.

theintercept.com

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -