Bergamo, 25 aprile: comunisti chiedono revoca della cittadinanza a Mussolini

 

BERGAMO, 25 APR – Durante le celebrazioni del 25 aprile in piazza Vittorio Veneto a Bergamo stamani un gruppo di persone ha manifestato per chiedere la revoca della storica cittadinanza onoraria a Benito Mussolini. Sono stati mostrati uno striscione e alcune sagome di cartone ed è stato contestato il sindaco Giorgio Gori (Pd).

Quando il primo cittadino è salito sul palco, il gruppo di attivisti ha esposto uno striscione con la scritta: ’1500 firme, un atto di memoria per fare la storia’. Il riferimento è alla petizione avviata per chiedere la revoca della cittadinanza onoraria a Mussolini, vicenda oggetto anche di un blitz in Consiglio comunale nei giorni scorsi. Il gruppo in piazza ha anche esposto delle sagome di cartone raffiguranti Benito Mussolini, Gennaro Sora, Antonio Locatelli e il sindaco Giorgio Gori. Sul palco, in direzione del sindaco, sono stati gettati anche dei fogli con le firme della petizione. ansa

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

2 Commenti per “Bergamo, 25 aprile: comunisti chiedono revoca della cittadinanza a Mussolini”

  1. Avere paura di un defunto di oltre 70 anni significa sentire il fiato sul collo dei cittadini dissanguati da questa politica di SX-comunista. Non dovete aver paura di Mussolini, ma degli Italiani disperati, disoccupati, affamati.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -