Stop all’Eni di Viggiano, impatto su 3300 posti di lavoro

 

Ha un impatto su circa 3300 posti di lavoro tra diretti e indotto, tra Val D’Agri e raffineria Eni di Taranto, il fermo, in corso dal 31 marzo scorso, del Centro oli di Viggiano a seguito del sequestro senza facoltà d’uso deciso dalla magistratura di Potenza nell’ambito dell’inchiesta petroli.

Come scrive il sole24ore, il fermo ora è destinato a prolungarsi, visto che ieri il Tribunale del Riesame di Potenza ha respinto l’istanza di dissequestro avanzata dall’Eni, che adesso ricorrerà in Corte di Cassazione, e intanto ha fermato e messo in stato di «piena sicurezza» l’impianto di Viggiano.

A Taranto, invece, dove arriva tutto il greggio estratto nella Val D’Agri, problemi per i mille addetti, di cui circa 450 diretti Eni, al momento non ce ne sono, ma la raffineria già da alcuni giorni si è dovuta attrezzare con soluzioni alternative per continuare la produzione riducendola però da 12mila a 10mila tonnellate al giorno.

Italia potenza scomoda, Galloni: “Ecco come ci hanno deindustrializzato”

 

 

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppure fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -