Stipendio degli statali, nuovo blocco fino al 2020

 

mazzetteBlocco degli stipendi degli statali sino al 2020. E’ quanto contenuto nel Def, documento economico e finanziario approvato lo scorso 8 aprile dal Consiglio dei ministri . Si va dunque, sottolinea il sito ‘LaLeggePerTutti.it’, molto al di là di quanto previsto dal governo Letta, che aveva disposto un congelamento fino al 2017.

Un congelamento che non era ipotizzato, in quanto “si reputava che, con la riforma della Pubblica amministrazione – si legge sul sito – la razionalizzazione dei comparti avrebbe comportato un risparmio di spesa da destinare ai rinnovi periodici delle condizioni contrattuali del personale”.

L’unico spiraglio, conclude ‘LaLeggePerTutti.it’, si intravede nel 2018: “Per il triennio 2018-2020 è infatti prevista l’introduzione di un’indennità di vacanza contrattuale che porterà ad una stabile crescita dello 0,3% per tutto il periodo”. Senza altri adeguamenti previsti, neanche legati all’inflazione.

Antonio Foccillo, segretario confederale della Uil, nei giorni scorsi ha sottolineato come “non ci sono risorse per i rinnovi contrattuali per i dipendenti pubblici, ma si prevede solo l’indennità di vacanza contrattuale a partire dal 2019″.

“Dopo sette anni di blocco – ha detto il sindacalista – e la sentenza della Corte Costituzionale (che il 24 giugno 2015 ha dichiarato l’illegittimità del regime del blocco dei contratti collettivi dei pubblici dipendenti, LEGGI) il governo, nonostante l’accordo sui comparti, ancora una volta continua a perseguire la volontà politica di rinviare, nonostante ritenesse che fosse tale mancato accordo a bloccare il rinnovo”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -