Pechino protesta per dichiarazione G7 sul Mar cinese meridionale

 

kerry-hiroshima

La Cina ha chiamato oggi diplomatici dei paesi membri del G7 per metterli a parte della sua insoddisfazione dopo che nel vertice dei ministri degli Esteri dei Sette, che s’è tenuta a Hiroshima, è stata emessa una dichiarazione che esprime preoccupazione sulle dispute territoriali in Mar cinese orientale e meridionale che fa indirettamente riferimento appunto a Pechino.

“Noi crediamo che vi sia qualcosa di scorretto e sbagliato nel comunicato”, ha detto oggi il portavoce del ministero degli Esteri Lu Kang. “Per questo – ha continuato – abbiamo chiamato gli inviati dei paesi interessati per esprimere solennmente loro la posizione della Cina in materia”.

Il testo emesso dai capi delle diplomazie dei G7 – Stati uniti, Germania, Gran Bretagna, Francia, Canada, Italia e Giappone – esprime preoccupazione “per la situazione dei mari della Cina orientale e meridionale” e sottolinea “l’importanza fondamentale di una gestione e di una soluzione pacifica delle differenze”.

Il documento è stato fortemente voluto dai padroni di casa giapponesi, che hanno aperta nel Mar cinese orientale una disputa territoriale con Pechino per le isole Senkaku (Diaoyu in cinese), e sostenuta dagli Stati uniti impegnati a contrastare l’attivismo cinese in Mar cinese meridionale dove Pechino sta costruendo isole artificiali in un’area rivendicata da diversi paesi della regione. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -