Rissa tra stranieri: sfondata porta del Pronto soccorso, grave un tunisino

 

Foto Pronto Soccorso Policlinico Umberto I Roma - Foto di Domenico PalesseMONTECATINI TERME (PISTOIA), 10 APR – Aggressione all’alba nei pressi di un bar del centro di Montecatini Terme (Pistoia), solitamente frequentato da latinoamericani. Secondo quanto spiegato dai carabinieri una decina di persone ha iniziato un’accesa discussione all’interno del locale, per poi proseguire sulla strada adiacente. Qui sono volati le prime spinte e qualche cazzotto fino a quando uno si è staccato dagli altri e ha preso di mira un tunisino di 36 anni, picchiandolo con calci e pugni. Non soddisfatto, l’aggressore avrebbe anche preso una pietra per colpirlo violentemente al volto.

Un gruppo di uomini si è poi diretto al pronto soccorso, poco distante, forse per far medicare alcuni di loro e, dopo aver sfondato la porta, ha aggredito e preso a schiaffi il centralinista di circa 20 anni, per poi darsi alla fuga all’arrivo dei carabinieri. Il tunisino è stato trasferito all’ospedale di Careggi dov’è ricoverato in prognosi riservata ma, a quanto riferiscono i carabinieri, non sarebbe in pericolo di vita. (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Rissa tra stranieri: sfondata porta del Pronto soccorso, grave un tunisino”

  1. Stranieri .? in altro periodo storico . non solo chievano dove vivi ma quale SOSTETAMENTO PER VIVERE AI.? IN MANCANZA “FOGLIO DI vIA” E SCORTATO AL CONFINE.(QUESTA E’ PREVENZIONE AL CRIMINE)=
    OGGI SI LEGGE … … SENZA FISSA, Dimora, clandestino, Non ha un lavoro, RILASCIATO.!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -