Tagli alla sanità, le lunghe code al Pronto soccorso scatenano la violenza

 

Napoli – I parenti di una persona ricoverata al Cardarelli hanno picchiato una guardia giurata e tre infermieri. Motivo dell’aggressione, gli eccessivi tempi di attesa per una visita. A raccontare l’accaduto è Salvatore Siesto della Uil Flp; “A una collega sono stati anche strappati i vestiti e ad un paramedico è stato immobilizzato il braccio dopo lo scontro”.

Siesto ha poi spiegato che il familiare di un paziente ha scaraventato le scrivanie contro il personale del reparto colpendo anche diversi operatori, tra i quali anche una guardia giurata intervenuta per sedare la situazione che stava diventando sempre più incandescente. Per quest’ultimo la prognosi è di 10 giorni.

Duro il monito dei Cobas Cardarelli: “Ormai non ci meraviglia più niente, anche se esprimiamo la nostra solidarietà ai colleghi aggrediti. Questo è un vero far west”. “Qui da noi si crepa, altro che quarto mondo – prosegue il sindacato attraverso il suo portavoce Antonio Di Nardo – Nel frattempo il governatore apre un tavolo di lavoro con medici sulla situazione. Grave che a quel tavolo di lavoro non ci siano pure figure come quella infermieristica, che potrebbe essere fondamentale per tutti i cambiamenti necessari, perché veri addetti ai lavori”.

“Questa volta – conclude il sindacato – non resteremo a guardare. Siamo stanchi di subire ‘Gomorra’, presto incroceremo le braccia. Ma questa volta lo faremo senza scrupoli, fino a bloccare tutte le attività”.

napolitoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -