Milano: 61 milioni di euro spartiti fra 5 enti, 24 milioni alla Carita$

 

Milano capitale del terzo settore. Sentita e risentita in questi anni. Ci sono decine di associazioni, enti, fondazioni attive in città.

immigrati-caritasCome scrive Chiara Campo sul Giornale, dal 2011 al 2015 la giunta Pisapia ha diviso oltre 61 milioni di euro di fondi pubblici (comunali o dello Stato) destinati alla gestione dell’emergenza profughi solo tra cinque associazioni. La parte maggiore è andata a Farsi Prossimo, promossa dalla Caritas (24,5 milioni alla cooperativa e 11,7 al consorzio). Oltre 18,5 milioni alla fondazione Progetto Arca, circa 4,7 alla Casa della Carità di don Virginio Colmegna (il suo braccio destro Maria Grazia Guida è stata anche vicesindaco nei primi due anni di mandato), 631.876 euro all’associazione Sviluppo e Promozione. Una quota minore ai City Angels (64mila euro) e altri 916.235 euro del Servizio politiche immigrazione divisi tra Fondazione fratelli di San Francesco, Fondazione Don Gnocchi e ancora City Angels.

Sono fondi per l’accoglienza distribuiti quasi sempre senza bando pubblico ma con la formula della procedura negoziata, in pratica con assegnazione diretta.

maiorino«Pensare che nella capitale del terzo settore tutti i fondi dell’accoglienza profughi vengano spartiti tra 4 o 5 enti mi pare estremamente riduttivo» contesta il capolista Fdi Riccardo De Corato, ex vicesindaco che parla addirittura di «profugopoli». E ricorda i rilievi sollevati già nel marzo 2015 dal presidente dell’Anac Raffaele Cantone su un eccessivo ricorso all’assegnazione senza gara, non solo da parte dell’assessore al Welfare Pierfrancesco Majorino ma anche dal settore Verde, Arredo Urbano, Cultura. Mesi dopo prese atto dei chiarimenti forniti dal sindaco e «assolse» il Comune, ma dopo le diffide e l’esplosione dello scandalo «Mafia Capitale» (guarda caso) Majorino decise frenare gli affidamenti diretti. Quasi a fine mandato.

Non sono le uniche anomalie denunciate ieri da De Corato. Intanto, ci sono i 15 milioni di contributi assegnati durante il 2015 a 1.678 associazioni (dalla capoeira all’«Accademia degli scacchi» al Centro iniziativa gay) che «in tempi di crisi potevano almeno essere dimezzati».

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -