Italiano 64enne con gamba amputata, per l’Inps non è invalido

 

VICENZA – La malattia gli ha “mangiato”, nel vero senso del termine, una gamba, ma per l’Inps la sua situazione non è abbastanza grave da permettergli di ricevere l’assegno di invalidità.

disabiliLudovico, a seguito di una grave setticemia, si è dovuto far asportare la gamba destra. Nel dicembre 2015 si è sottoposto all’operazione e sembrava che il peggio fosse passato. Ma una volta uscito dall’ospedale, ha capito che non era ancora finita: aveva perso il lavoro e solo un aiuto statale avrebbe potuto salvarlo. Ma per l’Inps la sua situazione non è abbastanza grave e così non gli riconosce l’assegno di invalidità.

Dopo una serie di analisi, la commissione medica ha dichiarato una percentuale di invalidità pari al 60%, con diagnosi “amputazione arto inferiore destro”. “L’invalidità del 60 per cento – spiega Giovanni Rossetto, impiegato dell’associazione Agitalia che sta seguendo il caso – non permette di avere l’indennità di invalidità. E questo per il mio assistito è un grave problema”. (Agitalia è un’associazione che si occupa principalmente di tutele nella riscossione di buoni postali, attraverso degli studi legali convenzionati ndr).

L’Agitalia proporrà all’autorità competente un accertamento tecnico preventivo per cercare di far ottenere a Ludovico l’assegno di invalidità. “La pensione di invalidità – continua Giovanni Rossetto – viene data quando si ha almeno il 74% di deficit. Il nostro assistito è sotto questa soglia, ma faremo valere la patologia depressiva che ha colpito l’uomo, ormai anziano e in difficoltà”.

Ludovico, infatti, ha ormai 64 anni e per lui, anche se non avesse avuto problemi, sarebbe veramente difficile trovare lavoro. Quello che più indigna e fa discutere è che la normativa prevede, a chi ha un’invalidità del 74% e un limite di reddito di 4.880 euro, un misero assegno mensile di 294 euro. In pratica una cifra modestissima, ma nonostante questo non la prende quasi nessuno. “La situazione italiana è sotto la soglia della decenza – conclude Rossetti – con questi imbuti normativi per persone che davvero versano in situazioni difficili, mentre periodicamente veniamo a conoscere vicende di falsi invalidi o falsi ciechi che spremono le casse pubbliche”.  IL GIORNALE



   

 

 

1 Commento per “Italiano 64enne con gamba amputata, per l’Inps non è invalido”

  1. Antonio Mattia

    Basta con questi SPRECHI!!!! Quelli degli onorevoli che ricevono pensioni da scandalo mentre a Ludovico “distrutto” non riusciamo a dare una “carezza consolatrice” in tanta disgrazia!!!! BASTA!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -