L’Etiopia minaccia di inviare di un altro milione di profughi in Italia

 

“Nella nostra visita della settimana scorsa il presidente dell’Etiopia ci ha detto che se l’Ue continuerà a dare soldi all’Eritrea, considerata dall’Etiopia un regime dittatoriale, Addis Abeba la invaderà e ci sarà un altro milione di profughi in cammino verso l’Italia‘”.   Delegazione svizzera sbugiarda le bufale sulla “dittatura eritrea”

pittellaCosì Gianni Pittella, presidente del gruppo S&D del Parlamento Ue, ha messo in guardia – in occasione della conferenza sull’Africa in corso al Pe – contro i rischi di un nuovo possibile conflitto tra i due Stati del Corno d’Africa.

A ‘irritare’ il presidente etiope è il programma di aiuti approvati a gennaio da Bruxelles. Si tratta di 200 milioni di euro da stanziare in 5 anni per migliorare le condizioni socio-economiche della popolazione, un fondo approvato nell’ottica di diminuire i flussi di migranti, ma che aveva sollevato non poche polemiche visto che quello di Asmara è uno dei peggiori regimi del pianeta. “L’Etiopia – ha affermato ancora Pittella – svolge un ruolo importante per la stabilità della regione”, una zona in cui ulteriore preoccupazione deriva “dal link tra radicalismo yemenita e alcune cellule somale”.

Stasera l’Alto Rappresentante Ue per la politica estera, Federica Mogherini, si recherà proprio ad Addis Abeba a capo di una missione di alto livello della Commissione Ue. Al riguardo, intervenendo alla stessa conferenza, Mogherini ha sottolineato che la “sfida è riconoscere l’Africa e i gruppi sub regionali come partner strategici per la Ue” per affrontare assieme i problemi legati “alle migrazioni, alla sicurezza, ma anche le politiche di industrializzazione, i trasporti, la lotta al cambiamento climatico”. ANSA EUROPA

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

One thought on “L’Etiopia minaccia di inviare di un altro milione di profughi in Italia

  1. LASCIANDO LA POLITICA A PARTE . SPERO CHE FACCIANO LE COSTRUZIONI CHE FURONO FATTE IN POCHI ANNI DALLO STATO ITALIANO OCCUPANTE.!!!!

Comments are closed.