Il genocidio delle aziende agricole italiane

 

Dopo il formaggio senza latte, l’olio tunisino, il cioccolato senza cacao, il vino con zuccheri aggiunti, ora anche il riso importato senza dazi dall’Asia? Ma è questa l’Europa che vogliamo?Io dico NO ad una politica comune che azzera le eccellenze, cancellando la ricerca della qualità tanto cara ai nostri produttori. Scegliamo prodotti locali, a denominazione, abituiamoci a leggere le etichette e tuteliamo i nostri prodotti a km zero!

Pubblicato da Luca Zaia su Lunedì 4 aprile 2016

 

Dopo il formaggio senza latte, l’olio tunisino, il cioccolato senza cacao, il vino con zuccheri aggiunti, ora anche il riso importato senza dazi dall’Asia?
Ma è questa l’Europa che vogliamo?
Io dico NO ad una politica comune che azzera le eccellenze, cancellando la ricerca della qualità tanto cara ai nostri produttori. Scegliamo prodotti locali, a denominazione, abituiamoci a leggere le etichette e tuteliamo i nostri prodotti a km zero!

made-italy



   

 

 

1 Commento per “Il genocidio delle aziende agricole italiane”

  1. I cinesi stanno comprando a mani basse ogni risaia in vendita, poi “si dice” che facciano arrivare il riso clandestinamente dalla Cina e lo rivendano come riso italiano, ma queste sono solo “voci” “insinuazioni” tutti conosciamo la specchiata onestà dei cinesi

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -