Migranti, Boldrini: i Padri Costituenti erano rifugiati sotto il fascismo

 

Boldrini - Screen dal video agenzia Vista

Boldrini – Screen dal video agenzia Vista

“L’Unione europea a causa dell’egoismo e della miopia di alcuni Paesi si è arresa e invece di accettare un accordo al suo interno” sull’immigrazione “ha chiuso un accordo con la Turchia, a cui delega la gestione del diritto d’asilo pur sapendo che non offre standard di protezione adeguati”.

Lo afferma la presidente della Camera, Laura Boldrini, in un’intervista a Isoradio.”Questo accordo – aggiunge – funzionerà difficilmente sul piano pratico ma ha già creato una macchia sull’Europa come continente dei diritti. Mai e poi mai avrei pensato che si sarebbe arrivati fino a questo punto”.Boldrini aggiunge che chi chiede il diritto di asilo cerca “pace e sicurezza, che non è un diritto solo nostro”, “molti di loro fuggono da quelli stessi terroristi che colpiscono nelle nostre piazze, nelle nostre città”.

“La maggior parte delle vittime del terrorismo – insiste – è stata colpita nel Sud del mondo, quindi c’è un dovere ad accogliere persone che fuggono da quella violenza cieca”. La presidente della Camera ricorda che i costituenti inserirono il diritto d’asilo nella Carta. “Questo è un articolo molto aperto proprio perché i padri costituenti – ribadisce – erano stati rifugiati sotto il fascismo e capirono che quel diritto era una questione di civiltà giuridica. L’esperienza dell’esilio tocca molti aspetti e anche il nostro paese ha vissuto quella condizione”. (askanews)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Migranti, Boldrini: i Padri Costituenti erano rifugiati sotto il fascismo”

  1. Paragonare gli uni agli altri non è sinonimo di ignoranza ma di follia. Il fascismo non metteva bombe nelle piazze né sgozzava i suoi avversari politici. Coloro che si sono “rifugiati” presso altri stati hanno potuto compiere più danni al regime rispetto a quanti ne avrebbero potuti compiere restando in Italia.
    Inoltre, i “rifugiati”di un tempo scappavano prevalentemente in Francia e in Inghilterra perché vi erano movimenti antifascisti in cui continuavano a propagandare il loro credo. In ogni caso, indipendentemente dalle dottrine politiche i fuori usciti dall’Italia avevano ben altri comportamenti, certamente più educati e rispettosi, di questi individui il cui grado di civiltà e rispetto per il popolo che li accoglie è sotto lo zero. Infine i “rifugiati” del tempo erano poche centinaia di persone sparse in poche nazioni. I cosiddetti rifugiati di oggi sono decine di milioni ed hanno scopi ben diversi dai padri della Costituzione italiana. Boldrini perde sempre l’occasione per stare zitta.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -