Isis: in Bosnia 70 persone indagate per terrorismo

 

bosnia-jihad4 APR – La Procura di Sarajevo indaga su alcune decine di cittadini bosniaci che combattono in Siria e in Iraq a fianco delle formazioni dell’Isis: 33 inchieste in corso si riferiscono a 70 persone sospettate di organizzazione di gruppi terroristici, incitamento e reclutamento per le attività terroristiche e partecipazione a conflitti all’estero.

Secondo il procuratore capo Goran Salihovic, fino ad oggi sono stati incriminati 20 foreign fighters bosniaci al rientro in patria e nei prossimi giorni verranno formalizzati altri due atti d’accusa.

Secondo le cifre ufficiali della polizia bosniaca, in questo momento combattono in Siria e Iraq, a fianco dell’Isis, 70 bosniaci e finora sono morti in combattimento da 40 a 50 jihadisti provenienti dalla Bosnia. Ma è maggiore il numero dei civili che si trovano nel cosiddetto ‘stato islamico’, poiché molti combattenti hanno portato con sé le famiglie.

Secondo i dati diffusi nel corso di una conferenza regionale a Sarajevo dedicata alla radicalizzazione e al reclutamento dei jihadisti nei Balcani, nel 2012 e 2013 sono andati in Medio oriente, per unirsi a vari gruppi terroristici, 877 foreign fighters balcanici. Il maggior numero, 300 combattenti, sono partiti dal Kosovo, 207 dalla Macedonia, 200 dalla Bosnia, 107 dall’Albania, 50 dalla Serbia e 13 dal Montengro. Nel 2014 e 2015 il numero delle partenze è diminuito anche perché i paesi balcanici hanno approvato leggi secondo cui la partecipazione a conflitti all’estero è reato penale. Nello stesso periodo sono tornati nei Balcani 299 jihadisti che hanno combattuto nelle file dell’Isis e che, a piede libero, sono sotto la stretta sorveglianza delle agenzie di sicurezza.

(ANSAmed)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -