Migranti, 60 nordafricani protestano a Brindisi

 

protesta-migranti-brindisi

1 APR – Circa sessanta migranti nordafricani, quasi tutti richiedenti asilo, hanno indetto una protesta dinanzi alla sede del Comune di Brindisi per la modifica degli orari di apertura e chiusura del dormitorio di Brindisi che li ospita. Sul posto ci sono gli agenti della Digos di Brindisi: non si registrano al momento situazioni di tensione.

A quanto appurato gli stranieri, la gran parte dei quali in attesa di un responso alla richiesta di riconoscimento dello status di rifugiati politici, sarebbero costretti a restare fuori dal dormitorio dalle 9 fino alle 19, così come stabilito dalla cooperativa che gestisce la struttura. Molti di loro lavorano nei campi come braccianti agricoli, impiego che li obbliga a partire molto presto al mattino per rientrare nel primo pomeriggio. La protesta ha anche lo scopo di scongiurare un’eventuale chiusura della struttura, visto il sovrannumero riscontrato negli ultimi giorni nel corso di un sopralluogo. (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Migranti, 60 nordafricani protestano a Brindisi”

  1. E questa sarebbe la cultura del DIRITTO? Forse riusciremo a riscoprire le nostre origini antropologiche. Un ritorno indietro di parecchie migliaia di anni. Ma non si tratta di un esperimento di Ipnosi regressiva, e neppure di una magìa del genio della lampada di Aladino, ma di una regressione involutiva della specie Europeide, alla quale il mago Kalergi, detto il Belzebù dell’esoterismo eugenetico, e i suoi proseliti moderni, hanno in mente di condannarci…..follìe frranksteiniane, esperimenti neo-Auschwitziani. Lo dicevo io che il nazismo, quello vero….oggi buonista,…non è mai finito!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -