Renzi: “Chiudere le frontiere non serve, i terroristi sono già dentro”

 

Matteo Renzi

Chiudere le frontiere non serve perché “i terroristi sono già ‘dentro’”. Ma proprio per questo “l’Europa può fare di più all’interno” dei suoi confini, soprattutto creando “una struttura di sicurezza unitaria”, coordinando meglio il lavoro delle intelligence nazionali, aumentando lo scambio di informazioni tra Paesi. E’ la risposta che Matteo Renzi propone ai partner europei dopo l’attacco “al cuore della Ue”, alla sua “capitale” Bruxelles.

Per il premier “ci vuole un patto europeo, per la libertà e la sicurezza. Vada fino fondo allora, stavolta, l’Unione Europea”, visto che “è dal 1954 che si discute” del tema senza arrivare ad un risultato. E se gli altri Paesi europei vorranno, “siamo totalmente a disposizione per lavorare insieme alle istituzioni europee ad un progetto organico“.

Nella dichiarazione rilasciata a Palazzo Chigi, Renzi insiste sulle posizioni assunte da tempo: “E’ arrivato il momento di dire con chiarezza che se gli attentatori venivano da ‘dentro’, dai luoghi dove si sono verificati, la minaccia è globale ma i nemici sono locali. Si nascondono nel cuore, nelle periferie delle nostre città. C’è chi vive protetto in certe zone urbane da una rete di omertà: occorre dunque un progetto di sicurezza ma anche culturale. Bisogna controllare le frontiere, ma anche difendere all’interno le vite dei nostri connazionali europei”.

E dunque ribadisce: “Investiamo altrettante risorse di quelle che mettiamo nella sicurezza, nella cura delle nostre periferie, nei sobborghi urbani, nella creazione di scuole e spazi comuni, nel presidio del territorio con i militari e anche con i maestri elementari”.E tuttavia, stavolta Renzi sottolinea con maggiore forza la necessità di un cambio di passo nei controlli interni: “L’Europa può e deve fare di più anche a livello interno”. E dunque “occorre investire in una struttura di sicurezza unitaria europea” e “i servizi segreti lavorino di più e meglio insieme, con collaborazione costante e continua”. L’obiettivo è che “nelle prossime settimane e nei prossimi mesi sarà sempre più forte l’azione a livello europeo, voglio sperare, e a livello italiano, per combattere la minaccia del terrorismo jihadista”.

E al proposito “l’Italia ahimè ha un’esperienza da offrire”, perché “le forze di sicurezza italiane hanno dovuto affrontare minacce terribili, dalla mafia, al terrorismo, al brigatismo”.E dunque “siamo totalmente a disposizione per lavorare insieme alle istituzioni europee ad un progetto organico”. (askanews)



   

 

 

1 Commento per “Renzi: “Chiudere le frontiere non serve, i terroristi sono già dentro””

  1. Vorrei spiegare a tutti i pdioti sinistronzi ai flautorenzisti merdomoderati e stercocentristi vari che :
    L’INVASIONE ISLAMICA E’ STATA (e lo è tutt’ora) ORGANIZZATA dai manovratori del NWO per COSTRINGERE i POPOLI europei ad ACCETTARE la creazione (già esiste in embrione) di una FORZA DI POLIZIA CENTRALE agli ordini della U.E.
    Ricordo che l’UE NON E’ GOVERNATA dal parlamento europeo ma DALLA COMMISSIONE EUROPEA che è un ORGANISMO NON ELETTIVO. I membri VENGONO NOMINATI.
    Dunque la creazione, ovvero il rafforzamento e la messa in operatività, di una forza di polizia SOVRANAZIONALE agli ordini di una lobby di individui NOMINATI significa una cosa sola : DITTATURA.
    Per quanto mi riguarda non ho nulla contro la dittatura, mi girano i coglioni che il dittatore sia un belga (o altro) di merda scelto da Goldman & Sachs.
    Bravi italiani, pensate a Conte e alla nazionale, che tra poco ci sono i campionati…

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -