Arrivati ieri in aereo, già trovata casa per i profughi

 

profughiTORINO – Dal campo profughi in Libano, dove viveva insieme ad altre 92 famiglie, alla speranza di una nuova vita nel Torinese grazie a un corridoio umanitario. È la storia di una famiglia siriana, 10 persone fra cui 4 bambini piccoli, accolta a Leinì grazie all”Operazione Colomba’, il progetto che risponde all’appello di Papa Francesco che invita le comunità ecclesiali nell’accoglienza dei rifugiati e che è sostenuto dalla Diocesi torinese.

La famiglia è arrivata in Italia attraverso un corridoio umanitario promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia. E a Leinì ha trovato una casa, un appartamento messo a disposizione dalla parrocchia Santi Pietro e Paolo, grazie all’impegno dell’Ufficio Pastorale Migranti della Diocesi.

“Per la chiesa torinese – sottolinea la Diocesi – è un segno concreto che risponde ad una situazione molto difficile come dimostra ciò che sta accadendo ai confini tra Grecia e Macedonia o al porto di Calais e da anni nel mare Mediterraneo”. (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Arrivati ieri in aereo, già trovata casa per i profughi”

  1. .Mangaire bere , dormire a carico del sudore degli italiani che producono. ed i bambini delle famiglie che non possono pagare la retta della merenda , Esclusi, UNA MORTIFICAZIONE MORALE. “”"CREDEVO CHE I BAMBINI FOSSERO TUTTI UGUALI. PURTROPPO I BAMBINI DEI FAMILIARI CHE BUSSANO AI CONFINI , HANNO DELLA PRIORITà.”"”

    “”"O SIGNORE; PERDONA LORO CHE NON SANNO QUELLO CHE ESSI FANNO”"”

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -