Nelle carceri italiane 6000 musulmani e 52 luoghi di culto islamici

 

Roma – Sono quasi seimila (5.781) i detenuti di fede islamica nelle carceri italiane del nostro Paese, di fede islamica: di questi, 119 sono italiani. E’ uno dei dati diffusi dall’associazione Antigone, che, citando fonti del ministero della Giustizia, afferma che i detenuti gia’ ‘radicalizzati’ sono 19 e sono ristretti in apposite sezioni di alta sicurezza. Gli ‘attenzionati’, invece, sono circa 200. L’associazione Antigone ha dedicato al tema dei diritti religiosi in carcere un convegno, dal quale e’ emerso che i detenuti di fede islamica sono l’11,1% del totale dei reclusi, mentre i cattolici sono oltre 29mila (55,9%), con una netta prevalenza di italiani (76,4%).

In tutte le carceri del Paese vi e’ una o piu’ cappelle cattoliche, mentre, come risulta dal protocollo siglato di recente tra il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e l’Ucoii, 52 istituti di pena ospitano luoghi di culto islamici ufficiali, e in altri 132 vi sono stanze utilizzate come luogo d’incontro con ministri di culto islamici. Sono 9 gli imam, riferisce Antigone, ufficialmente ‘certificati’, mentre altri rientrano nel contesto del volontariato. Ci sono poi 69 operatori religiosi con la specifica funzione di mediazione religiosa e culturale verso il mondo islamico, di cui 14 volontari. Nelle carceri non vi sono altri luoghi di culto ufficiali relativi ad altre confessioni religiose. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -