Due colpi in dieci minuti, presa “baby gang” multietnica

 

Due colpi in dieci minuti, presa la “baby gang” che rapinava tra Torino e Venaria

babygangUna banda di rapinatori seriali giovanissimi che, in soli dieci minuti, era riuscita a mettere a segno ben due colpi. A fermarli ci hanno pensato i carabinieri, dopo che il gruppo – tre italiani, tre nomadi, un albanese e un marocchino – aveva effettuato le rapine tra Torino e Venaria. I componenti sono sette minorenni e un maggiorenne, che sono stati arrestati – il maggiorenne è stato denunciato – dopo la denuncia presentata da due vittime e l’inseguimento di un pullman Gtt.

Le loro scorribande criminali sono iniziate alle 17 di ieri in via Druento, dove gli otto rapinatori hanno dapprima circondato e picchiato uno studente per raubargli il cellulare. Dopodiché, il gruppo ha continuato a muoversi a bordo del pullman della linea VE1 verso Torino, aggredendo e sottraendo il telefonino a un altro studente il quale, alla fermata della linea 72 di Strada Altesssano, si è presentato dai carabinieri con il volto sanguinante.

A quel punto i militari hanno iniziato le ricerche, incrociando il branco in via Sansovino. Due membri della gang sono riusciti inizialmente a scappare, prima di venire in seguito identificati e fermati. Uno di loro si trovava in palestra.

Tutti e otto i malviventi – che hanno ammesso le loro responsabilità dopo essere stati trovati in possesso della refurtiva – sono residenti a Torino e i tre nomadi vivono al campo di Strada dell’Aeroporto. La banda in questione è sospettata di aver messo a segno altri colpi tra Torino e Venaria.

torinotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -