L’attentatore di Parigi era un finto profugo registrato con 4 nomi diversi

 

attentatore_parigiIl marocchino ucciso giovedì a Parigi mentre era in procinto di compiere un attentato in un commissariato viveva in un alloggio per richiedenti asilo nella tedesca Reklingenhausen. Secondo il domenicale del quotidiano tedesco Die Welt, che cita fonti della sicurezza, l’uomo era registrato in Germania sotto quattro nomi diversi. Aveva presentato richiesta di asilo con il nome di Walid Salihi.

L’uomo, racconta il magazine Der Spiegel, aveva disegnato l’emblema dello Stato Islamico sui muri dell’alloggio per rifugiati che gli era stato assegnato a Recklinghausen, e si era fatto fotografare davanti a questo simbolo mentre teneva in mano la bandiera del califfato. Per questo motivo le autorità lo avevano indicato come potenzialmente pericoloso, ma l’uomo era sparito a dicembre.

L’uomo aveva anche scontato un breve periodo di carcere in Germania per violazione della legge sulle armi, traffico di droga e altri reati, ha reso noto questo pomeriggio il direttore della polizia del Nord Reno Vestfalia, Uwe Jacob. Il ministro francese dell’Interno Bernard Cazenueve ha intanto chiarito che l’individuo è di nazionalità tunisina. Si ritiene, ha aggiunto, che abbia trascorso del tempo in Svizzera e in Lussemburgo prima di compiere l’attacco al commissariato nel primo anniversario dell’attentato a Charlie Hebdo. Grazie alle impronte digitali, i francesi avevano identificato l’aggressore come un uomo a cui era stato notificato un provvedimento di espulsione in Costa Azzura nel 2013 in seguito ad un furto. L’uomo non aveva documenti e dichiarava di essere marocchino.  rainews.it/



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -