Iran: “Trova le differenze”, l’ayatollah Khamenei equipara l’Arabia Saudita all’Isis

La guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, ha rilasciato una vignetta incendiaria che mette a confronto l’Arabia Saudita con lo Stato Islamico, subito dopo che Riad ha eseguito la condanna a morte del leader religioso sciita Sheikh Nimr al-Nimr. lantidplomatico.it

arabia-isis

“Trova Le differenze?”, recita la vignetta che è stata pubblicata sul sito ufficiale della guida religiosa iraniana sabato. Khamenei ha anche rilasciato una dichiarazione domenica promettendo una punizione “divina” contro la “centrale elettrica” sunnita Arabia Saudita – rivale regionale dell’Iran.

“Lo sceicco Nimr senza dubbio riceverà la grazia di Dio e le mani della vendetta divina sicuramente si abbatteranno sulle persone crudeli che hanno preso la sua vita e questa è una fonte di conforto per noi”, ha detto Khamenei.

L’esecuzione di Nimr, un personaggio pubblico popolare con i giovani, insieme a quella dei terroristi responsabili di una serie di attentati effettuati tra il 2003 e il 2006, ha provocato indignazione supplementare nel mondo sciita. L’Iran ha convocato l’ambasciatore saudita, e poche ore dopo, una folla ha dato fuoco all’ambasciata saudita a Teheran, cantando “Morte a Al Saud!”

“Questo studioso non aveva invitato la gente ad una rivolta armata, né era coinvolto in trame segrete”, ha detto Khamenei. “Lo sceicco Nimr è un martire e lo spargimento di sangue ingiusto è un errore politico dall’Arabia Saudita. Quelli veramente preoccupati per il destino degli esseri umani devono guardare i crimini sauditi ed evitare l’indifferenza nei loro confronti. “



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -