Più tempo passa e più Renzi è costretto a raccontare balle: situazione drammatica

 

Più passa il tempo e più Renzi è costretto a raccontare balle per nascondere la situazione drammatica verso la quale ci sta portando. E’ un concetto semplice da comprendere, se abbiamo una piccola falla, basterà poco per coprirla (ossia dovremo dire solo una piccola bugia per nasconderla), ma se la falla è grande dovremo ricorrere a delle balle spaziali, esattamente come sta facendo ultimamente Renzi.

renzi-balle

Quindi carissimi lettori, le dichiarazioni del nostro Premier dovete leggerle “al contrario”, più sparge ottimismo … e più dovete preoccuparvi!!!

Ed ultimamente (l’avete notato?) Renzi è un fiume in piena, è una persona che ha chiaramente perso il controllo. Racconta di un mondo fantastico, un mondo che non esiste neppure nella fantasia, parla di una Italia leader mondiale di … tutto, un’Italia agli albori di un nuovo Rinascimento.

La realtà, come tutti sanno, è l’esatto opposto, siamo davvero sull’orlo di un baratro, quando mai erano “saltate” le Banche nel dopoguerra? Le Banche stanno saltando ed i tedeschi parlano apertamente della necessità di commissariare il nostro Paese, ossia di far arrivare la Troika come accaduto in Grecia anni fa.

Certo se i risultati raggiunti fossero quelli … Dio ce ne scampi.

Ho già ricordato in altri articoli quali catastrofiche conseguenze avrebbe da noi una crisi del sistema bancario, in questo momento i tedeschi sembra che siano intenzionati a fare sul serio, anche se penso che si stiano comportando in questo modo solo per assicurarsi ancora un maggior controllo dell’Europa.

Ritengo infatti che siano coscienti del fatto che l’esplosione della zona euro avrebbe ripercussioni drammatiche soprattutto per loro, perderebbero infatti tutti quei benefici dei quali godono ormai da anni.

Però non lo sappiamo, non li controlliamo, non sappiamo fin dove vogliono spingersi i tedeschi, forse sono giunti alla conclusione che ormai la situazione è compromessa e quindi vale la pena di far saltare tutto, chi può capire cosa c’è nella testa dei crucchi?

Di sicuro, al momento, c’è solo una cosa, e cioè che più si preme per l’unità europea e più noi abbiamo da perderci, quindi da un certo punto di vista dipende da noi:

FINO A CHE PUNTO ACCETTEREMO DI ESSERE SUDDITI?

Essendo un popolo di smidollati è chiaro che continueremo a genufletterci, tutti sanno che l’Italia NON è una nazione, quindi, se minacciati, anziché ribellarci ci pieghiamo al volere altrui subendo anche le più umilianti angherie.

Poi, un punto di rottura, comunque esiste.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -