UE contro l’Italia: bocciati anche gli aiuti all’Ilva

 

Se non è guerra totale poco ci manca. Il confronto tra Ue e governo italiano non riguarda adesso solo un settore. Ci sono tre fronti su cui i cannoni sono puntati reciprocamente: le banche, l’Ilva e il deficit italiano. Sono le tre partite su cui si giocano i rapporti futuri tra il governo di Renzi e la commissione europea. Tra il premier e la Merkel. La linea rossa tra Bruxelles e Roma è dunque diventata improvvisamente incandescente. E negli ultimi giorni i rapporti sono addirittura peggiorati. tiscali

A rincarare la dose ci pensa il presidente Pd della regione Puglia, che non tiene contro della situazione. – Se lo stabilimento Ilva di Taranto non si riconvertirà passando all’utilizzo del gas (con quali soldi?) e al cosiddetto ‘preridotto’ nella produzione, e se questa volontà non verrà attuata dal governo, la Regione Puglia “non potrà che chiedere l’interruzione della produzione per come essa oggi si svolge”. Lo ha scritto il presidente della Regione Puglia, Michele Puglia, sulla sua pagina Facebook alla vigilia di Natale.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -