Abominevole la condanna di Minzolini. Ora è la magistratura che sceglie i redattori?

Giammanco (Forza Italia) : abominevole la condanna di Minzolini

minzolini

“La condanna per abuso d’ufficio dell’ex direttore Minzolini per aver rimosso dalla conduzione del Tg1 Tiziana Ferrario e’ davvero abominevole e vergognosa. Dov’e’ l’illecito se un direttore, dopo ben 28 anni di conduzione in Rai, decide di affidare un nuovo incarico a una giornalista della sua redazione? Come puo’ un tg evolversi se non anche attraverso un doveroso ricambio generazionale, fatto di volti nuovi e rinnovate risorse?

Da giornalista, lo considero un precedente inquietante che dovrebbe indignare e preoccupare l’intero mondo dell’informazione“. Cosi’ Gabriella Giammanco, parlamentare di Forza Italia.
“La magistratura non puo’ entrare a gamba tesa sulle facolta’ di un direttore nella gestione della redazione di cui e’ a capo. A testimonianza della correttezza con cui ha operato Minzolini, ricordo che addirittura promosse la Ferrario a caporedattore e che anche il giudice del lavoro respinse la causa di demansionamento spiegando che si tratto’ di un normale avvicendamento – aggiunge -. La Ferrario, dunque, decise di procedere con la causa penale confidando nella benevolenza di certa magistratura ‘amica’. Si tratta, percio’, di una sentenza palesemente politicizzata, che va a sommarsi a un’altra condanna che grida vendetta al cospetto del diritto. Minzolini, infatti, e’ stato condannato da un giudice tutt’altro che imparziale, che fu parlamentare del centro-sinistra per ben tre legislature e sottosegretario dei governi Prodi e D’Alema. Per tutti questi motivi, anche la parte sana della magistratura dovrebbe avere un sussulto di orgoglio e sollecitare con forza una vera e seria riforma della giustizia, per non permettere che cio’ che sta accadendo a Minzolini possa ripetersi in futuro”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -