Africa: il Senegal proibisce il velo integrale “non corrisponde alla nostra cultura”

 

“Il velo integrale non corrisponde né alla nostra cultura, né alle nostre tradizioni e neanche al nostro concetto di Islam. IL TIMONE

burqa

Dobbiamo avere il coraggio di combattere queste forme esasperate e non farci imporre modelli provenienti da non si sa dove”: lo ha detto ieri il presidente Maky Sall intervenendo al Forum per la pace e la sicurezza di Dakar. Il presidente ha quindi annunciato la prossima messa al bando del burqa, il velo integrale, in tutto il paese per ragioni di sicurezza.

Secondo la stampa locale, la decisione risponde ad una precisa richiesta dell’intelligence locale secondo cui la presenza di donne velate integralmente rende più complicati gli ordinari controlli di sicurezza.

“Il Senegal non è al riparo da attacchi terroristici” ha ribadito dal canto suo il ministro degli Interni Abdoulaye Daouda Diallo , al termine della riunione preparatoria per l’edizione 2015 del Magal de Touba, commemorazione dell’esilio nel 1894 di Cheikh Ahmadou Bamba, fondatore della confraternita mouride, deportato sull’isola di Mayombé in Gabon.

“Il Senegal è un paese musulmano e siamo tutti praticanti – ha aggiunto – non prenderemmo mai una decisione contraria all’Islam. Ma qui si tratta di sicurezza, non di religione”.

Una volta entrato in vigore, il bando al burqa farà del Senegal il quinto stato in Africa a limitare l’uso del velo integrale dopo Ciad, Gabon Repubblica del Congo e Camerun. Un’altra decisione presa dalle autorità di Dakar per contrastare la minaccia terroristica è di disattivare tutte le carte Sim non registrate entro la fine di novembre.

le figaro



   

 

 

1 Commento per “Africa: il Senegal proibisce il velo integrale “non corrisponde alla nostra cultura””

  1. E qui invece BoldrinA &co. pretendono che non venga negato l’uso. A discapito della legge che già esiste sulla sicurezza pubblica. Ma si sa….noi siamo italiani. E la sinistra ha un cervello SINISTRO

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -