Procuratore antiterrorismo: “Bisogna rinunciare a una parte delle nostre libertà”

Siamo arrivati dove dovevamo arrivare, cioé alla fine della democrazia. Invece di gettare fuori dall’Europa tutti i fanatici, si puniscono le persone per bene limitando la loro libertà.

 

antiterrorismo-roberti

“Dobbiamo essere disposti a cedere una parte delle nostre libertà”. Lo ha detto il Procuratore nazionale Antiterrorismo Franco Roberti, ospite del programma ‘In mezz’ora’ di Lucia Annunziata su Rai Tre. Ad esempio, dice Roberti citando l’esempio degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, “la libertà di comunicazione può essere ridimensionata”.



   

 

 

5 Commenti per “Procuratore antiterrorismo: “Bisogna rinunciare a una parte delle nostre libertà””

  1. Invece di adoperare le contromosse a questi delinquenti, chi ha i documenti o scappano dalle guerre ben accetti gli altri di cui il 90% sono delinquenti clandestini, e rimpatriarli immediatamente solo cosi capiranno che non possono dettarci le loro leggi, invece state portando la gente Italiana Onesta a mettersi a 90° a questi infami senza difendere il popolo Italiano, ma che si vergognassero i Politici incapaci.

  2. Il terrorismo è una scusa. In uno stato di mafiosi e terroristi, non c’è nessun pericolo di terrorismo.

  3. La vostra ineffecenza non si appaga con il rilascio di libertàacquisite sempre con i sangue dei soliti sfortunati, ma con le vostre disonorevoli dimissioni, di gente che prende stipendi faraonici per poi ottenere solo che, i soliti risultati pirotecnici dove a zompare per aria sfortunatamente, non è mai nessun questore, guarda caso.

  4. Mario Antonio Esposito

    DUE DEI TERRORISTI “PARIGINI”, ERANO SBARCATI IN GRECIA, TRA I PROFUGHI, TRE SETTIMANE FA.
    E CI LAMENTIAMO -CON RAGIONE?- DEGLI AMERICANI.

    Sarebbe il caso di dire: Se non ora, quando? MA, e ripeto MA, chi le si oppone? E perché così tanto fuori tempo? Guardiamoci allo specchio. (E NON PER DIFENDERE LA PREPOTENZA DEGLI USA !!) Per nostra innata vigliaccheria (SE NON SIAMO PORTATI AD AGLI ESTREMI, NON REAGIAMO), anche, se non soprattutto, perché non siamo un popolo unito; quando ci siamo trovati con l’acqua alla gola, ci ha fatto comodo che gli americani sono accorsi a liberarci; per niente? (Molti anni fa, ad una signora che, accorata, difendeva i figli di mamma, ‘i nostri’, le risposi: Signora, evidentemente i nostri figli di mamma, nascono per via naturale; mentre quelli che vengono da lontano per liberarci, e ci lasciano la pelle, saranno nati due o tre centimetri più sotto; quindi degli stronzi.) I morti in guerra, contano nelle trattative, e le condizionano. Quindi paghiamo lo scotto di non essere in grado di difenderci da soli. Senza tracimare nella storia; in questi ultimi decenni abbiamo visto e sopportato di tutto, da parte gentaglia che ha governato e governa il nostro Paese -SENZA REAGIRE- aspettiamo che arrivi qualcuno da fuori? Quelli che -non invitati- stanno arrivando e ci invadono; per la stessa ragione accennata sopra!, ci costeranno di più; SE NON CI SVEGLIAMO!
    Grazie per l’ospitalità. Mario Esposito.

  5. Non sono disposto ha cedere la mia libertà ai mussulmani.I nostri avi sono morti per darci la libertà e la democrazia.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -