Condannato a risarcire i ladri Rom, muore di crepacuore Ermes Mattielli

MATTIELLI-SPARA-LADRI

 

Ermes Mattielli non ce l’ha fatta. Il 62enne, recentemente condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione e al risarcimento di 135mila euro per il tentato omicidio di due rom, è morto oggi all’ospedale Alto Vicentino, dopo esser stato colpito da un attacco cardiaco.

Lo riporta Il giornale di Vicenza.

Ieri Ermes non si era sentito bene. Era corso in ospedale e le sue condizioni non destavano particolare preoccupazione. Oggi, però, la sua salute ha cominciato a peggiorare, portandolo alla morte. Non si sa se l’attacco cardiaco sia dovuto all’eccessiva sovraesposizione mediatica o alla condanna a 5 anni e 4 mesi di galera. Certo è che Ermes, come testimoniano i tanti gruppi Facebook nati in suo onore, era diventato il simbolo della “difesa che deve essere sempre legittima”.



   

 

 

5 Commenti per “Condannato a risarcire i ladri Rom, muore di crepacuore Ermes Mattielli”

  1. Mi spiace tantissimo per questo signore, ecco le leggi che si hanno in Italia questo signore è stato ammazzato da chi ben sappiamo tutti. io fare pagare i danni a questi VxxxxxxxxxxxI che lo hanno anche condannato perché ha subito non ricordo quante rapine e nessuno ha fatto niente ne lo stato ne nessun altro ecco come siamo ridotti, questa e la giustizia in Italia i ladri vengono risarciti cosi stanno tranquilli che se mentre rubano gli fai male li devi anche rimborsare, vorrei sapere cosa ne pensano i Giudici, Governo, e Politici.

  2. io spero che il giudice che ha dato questa assurda condanna si sogni ogni notte questa persona che ha subito una ingiusta condanna, è semplicemente assurdo!!!!

  3. dobbiamo ribellarci a queste leggi salvapolitici è il diritto di ogni persona diffendere e salvare la la sua proprieta’ ed i suoi familiari

  4. ANTONIO NISITA

    Mi capita, in questi ultimi anni, di chiedermi sempre più spesso dove sono condannato a vivere! In un paese dove a stento riesci a galleggiare nella merda più densa che è la merda di tutti noi, nessuno escluso!

  5. Bei tempi quando la proprieta’ privata era sacra – Chi entrava senza “bussare” Già in partenza era un crimine. … e doveva aspettarsi di tutto.!!!-
    Oggi la proprietà privata “conquistata a fatica,fatta con anni del sudore della tua fronte . Non E’ tua – E’ Dei delinquenti, vagabondi, scansafatiche, prepotenti arroganti ecc…

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -