Perde il lavoro, italiano multato dai vigili perché chiede l’elemosina

 

italiano-multato

Centotrenta euro di multa per aver chiesto l’elemosina. Ma Luigi, 54 anni, di Brescia, quei soldi non può pagarli. Un anno fa ha perso il lavoro e da allora per vivere chiede aiuto ai passanti nel piazzale dell’ospedale civile, dove martedì scorso è stato multato dalla polizia locale.

“Ho provato a spiegare ai vigili che chiedere le monetine non è più reato e che non do fastidio a nessuno: non fermo e nemmeno molesto le persone, me ne sto zitto ed immobile, affidando la mia richiesta d’aiuto al cartello che ho tra le mani”, ha raccontato l’uomo a BresciaToday.

Una multa che Luigi non ha alcuna intenzione di pagare, come le altre che ha già accumulato: “La polizia locale fa la guerra ai poveri a chi cerca di sopravvivere con qualche monetina donata dalle persone di cuore. È assurdo che il Comune voglia fare cassa sanzionando i poveri, ci vogliono far morire di fame e di freddo.”

Se potesse permettersi un avvocato, Luigi potrebbe fare ricorso al Tar e (forse) vincere la sua battaglia. Scrive BresciaToday:

La Corte costituzionale, con la sentenza n. 115 del 2011, ha infatti ritenuto costituzionalmente illegittima la norma che, a partire dal 2008, consentiva al sindaco, quale ufficiale del Governo, di adottare ordinanze, anche non contingibili e urgenti, al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli per la sicurezza urbana

www.today.it



   

 

 

3 Commenti per “Perde il lavoro, italiano multato dai vigili perché chiede l’elemosina”

  1. Un immigrato, non sarebbe stato multato.

  2. Maria giovanna

    povero uomo!Comunque dato che e’ disoccupato e non ha reddito e comunque chiunque abbia reddito inferiore agli 11.000 €) puo’ esser assistito col gratuito patrocinio.

  3. Questo e allucinante, se questo povero non da fastidio non disturba nessuno perché multarlo? invece chi spaccia, chi ai parcheggi davanti agli ospedali che se non gli dai i soldi ti fanno trovare l’auto rotta o ammaccata, chi ti suonano con la scusa di venderti qualcosa e subito ti chiede i soldi per il panino, che tra parentesi se gli offri il panino non lo vogliono ma vogliono e insistono che vogliono soldi, si a questi nessuno dice nulla, e già perché come arrivano subito vengono ammaestrati dal primo centro d’accoglienza di cosa fare cosa dire e come comportarsi si tutto gli dicono meno quello di comportarsi onestamente e rispettare chi li accolgono. Invece Italiano Onesto viene multato, invece dovrebbe essere lo Stato o i Politici di turno a essere denunciati perché nessuno aiuta queste persone indifese ma agli stranieri e concesso Albergo,mangiare bere e dormire. Viva L’Italia.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -