L’Italia regala alla UE 26 milioni di euro di “aiuti umanitari”

26 milioni da Roma, 137 da Gb, 108 da Berlino. Male fondi Siria-Africa.

Solo dieci paesi su 28, con la Germania che ha messo complessivamente 108 milioni e il Regno Unito 137 milioni, hanno finora risposto alle richieste di contributi finanziari presentate dalla Commissione europea, che ha messo a disposizione 500 milioni di euro per il trust fund per la Siria, 1,8 miliardi per il trust fund per l’Africa e 500 milioni per gli aiuti umanitari a favore di World Food Program, Unhcr e altri organismi chiedendo agli Stati membri di contribuire individualmente per raddoppiare tali cifre.

Soltanto Italia e Germania hanno finora contribuito, con 3 e 5 milioni rispettivamente, al fondo per la Siria. A quello per l’Africa, Germania, Spagna e Lussemburgo hanno fornito 3 milioni l’una. Il contributo di Londra e altri sei paesi è limitato agli aiuti umanitari.

Ecco la situazione dei finanziamenti comunicati al 12 ottobre, come pubblicata dalla Direzione generale per l’immigrazione e gli affari interni (in milioni di euro):
(http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2015/10/14/migranti-ue-finora-contributi-finanziari-solo-da-10-paesi_2c726bbd-fac5-4968-b8b3-157704d43fa6.html)

regali-italia



   

 

 

1 Commento per “L’Italia regala alla UE 26 milioni di euro di “aiuti umanitari””

  1. NON BASTA MANTENERE 400.000 IMMIGRATI CLANDESTINI O MENO, adesso un sistema politico pieno di imbecilli e do incompetenti promossi gestori dell’economia nazionale chi per virtù divina di nascita, altri per caso, ora si permettono i fare REGALETTI IMMOTIVATI!
    .
    L’Africa è un continente ricchissimo di tutto ma povero di cultura, allora invece di creare aziende miste per lo sfruttamento del LORO territorio, questi deficienti di politici SFRUTTANO GLI ITALIANI per – molto probabilmente – gonfiare il portafoglio dei loro “scambi commerciali”…
    .
    MA FACCIAMOLA FINITA, cancelliamo l’intero Parlamento prima che sia troppo tardi! Pensiamo al futuro di chi verrà dopo di noi, facciamo che sia ancora di etnia italiana…
    .

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -