Bugiardi seriali e propaganda di regime illudono un intero popolo. Non c’è nessuna ripresa

renzi-tv

 

di Giuseppe PALMA

Il martellamento mediatico del Governo Renzi e del Partito Democratico, ben supportati dalla stampa e dalle TV di regime, è ormai un evento quotidiano: C’E’ LA RIPRESA!

Se da un lato è certamente innegabile che per il 2015 il PIL crescerà di un misero zero virgola, dall’altro è sicuramente imbarazzante parlare di Italia che riparte o che addirittura accelera!

MA VEDIAMO I DATI:

Nel 2007, cioè prima della crisi, il tasso di disoccupazione era al 6,5% mentre il PIL, negli ultimi sei anni (2002-2007), aveva registrato – in media – un incremento dell’1,37% (Fonte: Database AMECO-Commissione Europea).

Oggi, dopo 7 anni di falcidiante crisi economica, la disoccupazione è balzata al 13,7% (dato relativo all’anno 2014), mentre il PIL ha registrato una perdita – dal 2008 al 2014 – di ben 9,8 punti percentuali (Fonte: Database AMECO-Commissione Europea). Un vero e proprio massacro!

Per poter parlare di ripresa economica (quella reale) bisognerà quindi attendere di recuperare interamente quanto perso negli ultimi sette anni (2008-2014) in termini percentuali di Prodotto Interno Lordo, ossia quasi 10 punti! Ammesso – per assurdo – che l’Italia registri una crescita media del PIL di 2 punti percentuali annui a partire da quest’anno e per i prossimi 5 anni, dovremo attendere almeno il 2020 (ed è una previsione davvero ottimistica!). Tuttavia, sia nel 2015 che nel 2016 – secondo le stime dello stesso Governo italiano – cresceremo ben sotto il 2% annuo, quindi – a bocce ferme – ci vorranno sicuramente più di 5 anni (salvo sorprese) prima di recuperare la ricchezza perduta durante la crisi! Solo allora sarà dunque possibile parlare di vera ripresa economica, quanto meno in termini di Prodotto Interno Lordo!

Ma il dato che maggiormente preoccupa è quello della DISOCCUPAZIONE. Vorrei infatti ricordare che, secondo i dati diffusi sempre da Database AMECO-Commissione Europea, in sette anni di crisi il tasso di disoccupazione è più che raddoppiato (dal 6,5% del 2007 al 13,7% del 2014). Ciò detto, per poter tornare ai livelli pre-crisi ci vorranno almeno VENT’ANNI! E a dirlo non sono io di Scenarieconomici.it, bensì il Fondo Monetario Internazionale (http://www.corriere.it/economia).

Se poi dovessimo, per i prossimi vent’anni, restare ancora in questa unione monetaria, la ripresa sarà davvero un miraggio!

L’€uro è stato costruito per tutelare il capitale internazionale a scapito del lavoro (salari, qualità occupazionale e garanzie contrattuali/di legge) e dei “principi inderogabili” della Costituzione primigenia, quindi è del tutto legittimo sostenere che sarà quantomeno improbabile – in termini di occupazione – tornare ai livelli del 2007, quando la situazione non era comunque tra le più rosee!

Illudere un intero popolo che c’è la ripresa e che l’Italia riparte (o addirittura accelera) è da inguaribili bugiardi seriali, più che da imbecilli!

La verità è sotto gli occhi di tutti: non la vede solo chi non la vuole vedere! Tutto il resto è pura propaganda di regime!

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -