Niente permesso umanitario: protesta dei clandestini in hotel a Eraclea

 

Niente permesso di soggiorno per motivi umanitari, scoppia la rivolta dei clasndestini alloggiati nel residence “Mimose” di Eraclea Mare nei confronti della cooperativa Solaris, accusata di non mantenere le promesse. La tensione si è smorzata solo quando tre pattuglie dei carabinieri della Compagnia di San Donà sono intervenute per riportare la calma. Sul posto anche agenti di polizia, guardia di finanza e municipale.

Una quarantina di clandestini ha raggiunto gli uffici della cooperativa che li gestisce protestando contro la bocciatura per le richieste d’asilo. Poi hanno urlato la propria rabbia al ritorno a Eraclea Mare, protestando anche per la quantità e la qualità del cibo che viene servito.

La protesta si è conclusa all’ora di pranzo e i clandestini sono rientrati per mangiare

 



   

 

 

2 Commenti per “Niente permesso umanitario: protesta dei clandestini in hotel a Eraclea”

  1. Si vorrei sapere chi è il cervellone che dopo quello che hanno combinato, e essendo loro Clandestini dovevano essere espulsi subito e non aspettare che qualche persona delle Forze Dell’Ordine o qualche cittadino ci rimette la pelle.

  2. Ma se questi clandestini sono di gusti così difficili,perchè sono venuti in Italia?
    Potevano restarsene a casa loro a mangiare quello che preferiscono!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -