Con la scusa della violenza di genere l’ONU vuole censurare internet

“La censura sarebbe il rimedio alla violenza online nei confronti delle donne”

censura-internet

Non è un buon momento per la reputazione delle Nazioni Unite, scrive ANTIPLOMATICO

Dopo l’imbarazzo di aver assegnato all’Arabia Saudita – un Paese che ha decapitato più persone dell’ISIS – la presidenza del Gruppo Consultivo del Consiglio dei Diritti Umani, l’Onu ora vuole spiegare ai governi del mondo come censurare Internet.

Dal Washington Post:

Giovedì, la Commissione per lo Sviluppo Digitale delle Nazioni Unite ha chiesto un’azione globale che freni l’ondata di violenza online nei confronti delle donne e delle ragazze, ribattezzata Cyber VAWG. La relazione conclude che le molestie on-line sono “un problema di proporzioni pandemiche”. Problema, tra l’altro, già conosciuto.

Le Nazioni Unite passano poi a proporre radicali cambiamenti ai governi e ai social network, offrendo una visione del tutto nuova di come Internet potrebbe funzionare.

Secondo la legge degli Stati Uniti – la legge che, non a caso, governa la maggior parte delle più grandi piattaforme online del mondo – intermediari come Twitter e Facebook in genere non possono essere ritenuti responsabili per ciò che le persone fanno tramite loro, ma le Nazioni Unite hanno proposto che i social network controllino ogni profilo e post, e che le agenzie governative concedano la “licenza” solo a chi accetta di farlo.

Le persone vengono perseguitate on-line, e la soluzione è censurare tutto? Notevole, commenta ironico Michael Krieger sul suo blog

“Come dovrebbe realmente funzionare, non si sa; il rapporto è vago. Ma il documento suggerisce ripetutamente che i social network hanno bisogno di rafforzare i regimi anti-molestie e che i governi devono farli rispettare.

Verso la fine del report, la commissione delle Nazioni Unite conclude che “organi politici e di governo devono usare la loro prerogativa di licenza” per proteggere meglio i diritti umani e delle donne, concedendo le licenze solo a “quelle compagnie”, che “supervisionano i contenuti e la loro diffusione. ”

Questo rapporto delle Nazioni Unite non ci trova concordi, ahimè: le sue proposte più modesti sono irrealizzabili. Possiamo educare le persone sulla violenza di genere o insegnare “cittadinanza digitale” nelle scuole, ma convincere i social a sorvegliare tutto ciò che i loro utenti postano è quasi impossibile.

Se siamo fortunati, forse il capo della polizia religiosa saudita (sì, ne hanno uno), che si è scagliato contro Twitter un paio di anni fa, sarà disponibile a dirigere il progetto, conclude Krieger.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -