Nigeria: 187 casi di colera in cinque giorni

Nei campi sfollati dello stato del Borno, in Nigeria nord-orientale, si stanno registrando casi di colera. I primi sono apparsi un mese fa nei campi di Maiduguri, la capitale dello Stato del Borno, che offre rifugio a piu’ di 1,6 milioni di sfollati. Lo riferisce l’associazione Medici senza Frontiere sottolineando che nel corso di tre settimane, la malattia si e’ diffusa in altri due campi della citta’.

Il conteggio ufficiale del 16 settembre ha registrato 172 casi e 16 decessi. MSF inoltre denuncia l’assenza delle organizzazioni internazionali durante le frequenti situazioni di emergenza nello stato del Borno e, in particolare, nell’area di Maiduguri, la zona con la stragrande maggioranza di persone sfollate a causa del lungo conflitto tra l’esercito nigeriano e Boko Haram.
In collaborazione con le autorita’ sanitarie della regione, Medici senza Frontiere (MSF), che lavora con le popolazioni sfollate a Maiduguri dal maggio 2014, sta fornendo servizi medici e logistici di emergenza per combattere l’epidemia.

Dal 10 al 15 settembre, 187 pazienti, il 64% dei quali gravi, sono stati ricoverati nel centro per il trattamento del colera (CTC), che ha una capacita’ di 100 posti letto. Soltanto nella giornata del 13 settembre, sono stati ricoverati 50 pazienti. I casi meno gravi sono stati trattati in strutture ambulatoriali per la reidratazione orale.

Contemporaneamente, a fine agosto MSF ha rafforzato le proprie attivita’ per migliorare l’igiene e i servizi igienico-sanitari nel campo in cui sono apparsi i primi casi di colera (clorazione delle fonti idriche, fornitura di soluzione di cloro per il lavaggio delle mani, disinfezione dell’abitazione a seguito dell’identificazione di un caso, ecc). L’equipe di esperti ha lavorato anche nel secondo campo colpito, dove ha identificato una fonte di acqua contaminata e, a meta’ settembre, ha avviato lo stesso tipo di operazione nel terzo campo colpito. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -