Napoli: Senza stipendio, lavoratori protestano con bandiere dell’Isis

 

(il mattino) Provocatoria protesta a Napoli da parte di un gruppo di dipendenti del Consorzio Unico di Bacino, società che si occupa del settore rifiuti: con gommoni da spiaggia, un cappuccio nero in testa e una bandiera nera con la scritta «Isis» («Io sono italiano senza stipendio»), che fa il verso a quella dello Stato Islamico, una cinquantina di dipendenti sta chiedendo, davanti la Prefettura (dove nel pomeriggio sono in programma audizioni della Commissione Parlamentare Antimafia), lo stesso trattamento che viene riservato agli immigrati che giungono in Italia dalla sponda sud del Mediterraneo. «Nessuno osi accostare questa manifestazione a fenomeni di razzismo – tiene a precisare Vincenzo Guidotti, del Sindacato Azzurro – in quanto si richiede di avere almeno l’assistenza paritetica dei nostri fratelli africani migranti, e per farlo saremo costretti anche a richiedere la cittadinanza ai loro Stati pur di potere sopravvivere».

Guidotti fa sapere che i lavoratori, migliaia in tutta la Campania, sono «senza stipendio per periodi che vanno dai 3 ai 50 mesi; 121 sono stati illegittimamente licenziati ed altri 1500 sono in mobilità pubblica senza percepire la dovuta indennità dell’80% dello stipendio, che dovrebbero pagare i Comuni». Questa manifestazione, sottolinea il sindacalista, «è solo una seriosa rappresentazione tragicomica di un dramma umano che qui ha già ha visto 5 suicidi, 134 morti per cancro e migliaia di famiglie ridotte alla fame a cui la malavita organizzata e la politica ha sottratto lavoro e dignità».

«Gente che ha lavorato in discariche colme di rifiuti tossici, come hanno riferito i collaboratori di giustizia, e che ora si vedono trattati in questo modo», conclude Guidotti.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -