Siamo in dittatura: secoli di lotte e sofferenze cestinati da poche zucche vuote

censura

di Giuseppe Palma

Recita l’art. 68, primo comma, della Costituzione: “I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni”.

E’ uno dei principi cardine dello Stato di Diritto e della democrazia costituzionale.

Perché un rappresentante del popolo possa esercitare a pieno le sue funzioni nell’interesse della Nazione è necessario che questo possa esprimere le proprie opinioni, o votare, in piena libertà e senza il rischio di essere chiamato a rispondere di quello che dice o di come vota.

Si tratta di conquiste che nascono con la Rivoluzione francese e maturano in via definitiva con le Costituzioni nazionali redatte dopo la seconda guerra mondiale. Se poi vogliamo voltarci ancora più indietro, addirittura anche i tribuni della plebe erano tendenzialmente immuni dalla censura.

Ciò premesso, mai l’opinione espressa da un parlamentare può essere sottoposta a censura, e, considerato il principio della separazione dei poteri, sarebbe gravissimo se un’ipotesi di censura provenisse dal Governo. Nel momento in cui l’esecutivo intima ad un parlamentare cosa può o non può dire, o peggio entro quali limiti può dirlo, siamo alla MORTE DELLA DEMOCRAZIA!

Pensavamo di non doverci mai più occupare di queste cose, eppure – annus domini 2015 – il Governo italiano ha censurato le parole espresse da un deputato della Repubblica nell’esercizio delle sue funzioni.

Immigrati, arriva la scure della censura governativa sui politici dell’opposizione

Vittima incolpevole è l’On.Le Giorgia Meloni, deputato di Fratelli d’Italia, la quale ha ricevuto una lettera da parte del Governo (con tanto di protocollo), e più precisamente dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per le pari opportunità, Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali – con la quale l’esecutivo, ritenendo “che una comunicazione basata su generalizzazioni e stereotipi non favorisca un sollecito ed adeguato processo di integrazione e coesione sociale”, coglieva l’occasione per chiedere all’On.Le Meloni “DI VOLERE CONSIDERARE PER IL FUTURO, L’OPPORTUNITA’ DI TRASMETTERE ALLA COLLETTIVITA’ MESSAGGI DI DIVERSO TENORE”.

Leggendo questa porcata, non assume più alcuna importanza cosa abbia detto precedentemente l’On.Le Meloni. Per quanto mi riguarda, considerato il rispetto che ho per la nostra Costituzione, ritengo che la lettera del Governo sia la dimostrazione che in Italia è morta non solo la DEMOCRAZIA, ma soprattutto la cultura costituzionale!

La libertà è come l’aria: non ti rendi conto che è così importante fino a quando non ti accorgi che inizia a mancarti!

Chi ci governa non ha alcuna sensibilità culturale, nè amore per la Costituzione! A Palazzo Chigi hanno forse studiato la lingua inglese o l’economia (e neppure quelle), ma ignorano profondamente la STORIA!

Perchè l’Assemblea Costituente arrivasse a scrivere ogni singola parola dei 139 articoli della Carta Costituzionale sono morte centinaia di milioni di persone! Dove sono i benpensanti Benigni, Fo e Moretti? Dove sono??? Forse l’opinione di un deputato di destra merita minore considerazione – e rispetto – dell’opinione di un deputato di sinistra?

Neppure Robespierre, prima di mandare a morte Danton, ebbe il coraggio di far tacere il tumulto sollevatosi alla Convenzione Nazionale! Il dittatore giacobino riuscì nell’intento di terrorizzare i rappresentanti del popolo costringendoli a votare in favore del decreto di arresto di Danton e compagni, ma non arrivò a censurarli!

E la lettera che Palazzo Chigi ha inviato all’On.Le Meloni è, seppur con i dovuti modi, una censura bella e buona!

Due secoli di lotte, guerre e sofferenze cestinati da poche zucche vuote che non meriterebbero neppure di dirsi ITALIANI!

***

Di sicuro Voltaire non l’ha mai detto, ma il concetto intrinseco contenuto in queste parole racchiude l’essenza stessa della democrazia: “Non condivido la tua idea, ma darei la vita perchè tu possa esprimerla“.

Ma che lo scrivo a fare, tanto a Palazzo Chigi al massimo leggono le istruzioni della PlayStation!



   

 

 

2 Commenti per “Siamo in dittatura: secoli di lotte e sofferenze cestinati da poche zucche vuote”

  1. Ci vorrebbe la sentenza di un Giudice per invalidare tutti gli Atti di un governo abusivo e incostituzionale, ma le menti italiane sono avvolte dalla nebbia.

  2. Come non condividere con Giuseppe Palma anche se non sono un intellettuale e un vero piacere leggere i suoi scritti, aggiungerei che il Signor Presidente Mattarella disse che in una nazione se comanda una sola persona vi è la DITTATURA, ed ci ha azzeccato siamo sotto dittatura allo sfascio totale nonostante le cronache ne sono piene di Omicidi efferati, sgozzamenti, Rapine Stupri,furti contro persone inerme e pure picchiati, chiunque arriva in Italia comandano loro e i politici sono accondiscendenti, altre nazioni comandano e dicono che dovete fare così dovete mangiare il formaggio in polvere be il io formaggio mi mangio quello che cazzo mi piace e quello in polvere se lo mettessero nel di ……. compreso quelli che li stanno ad ascoltare questi Traditori.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -